Vercelli, specializzarsi in Medicina dei Disastri

Prestigiosi docenti internazionali e la collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e le diverse Agenzie dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. L’Università del Piemonte Orientale è pronta per rinnovare l’appuntamento con l’European Master in Disaster Medicine.
Grazie al contributo della Libera Università di Bruxelles, quest’anno il corso aprirà i suoi orizzonti a un numero ancora maggiore di collaborazioni all’estero. Nell’ambito del corso, 30 studenti provenienti dai cinque continenti avranno la possibilità di interagire con i più prestigiosi docenti internazionali di Medicina dei Disastri e potranno partecipare ad esercitazioni sul campo tra le quali la simulazione di una maxiemergenza che si terrà a Borgomanero la sera dell’11 giugno con il coinvolgimento dell’ospedale locale.
L’evento è fissato per domani, 6 giugno, alle 18 presso la Cripta di S. Andrea di Vercelli, sede dell’aula magna della Facoltà di Lettere e Filosofia. Lì avrà luogo la Cerimonia delle Firma delle Convenzioni che vedrà la partecipazione dei Rettori e dei delegati delle università partner.
Nello specifico saranno presenti, per sancire il coinvolgimento ufficiale in questa attività accademica, i rappresentanti delle università di Ginevra, di Linkoping (Svezia), di Irvine (California), del Dipartimento di Emergenza e dei Disastri della Harvard Medical School (Stati Uniti), dell’Accademia Svizzera di Medicina Militare e dei Disastri.
Il Master di secondo livello in Medicina dei Disastri è diretto da Francesco Della Corte, ordinario di Anestesiologia presso la Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute di Novara, direttore dal Centro di Ricerca Interdipartimentale di Medicina di Emergenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma 3, i campi rom fissati in una foto

Next Article

Riparte Facoltiadi, così Trento scende in campo

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.