Venerdì 24 gennaio sciopero dei mezzi: tutte le fasce di garanzia

sciopero mezzi venerdì 24 gennaio

Sciopero dei mezzi venerdì 24 gennaio – Il sindacato USB Lavoro Privato ha confermato lo sciopero che coinvolgerà i lavoratori dei trasporti pubblici nelle città di Roma, Milano, Torino, Bologna, Firenze, Napoli e Palermo.

I lavoratori incroceranno le braccia per protestare contro la privatizzazione del trasporto pubblico rea, a loro giudizio, di impoverire il servizio offerto ai cittadini e di dare poche garanzie al di lavoro a chi vi opera. Diverse le modalità di partecipazione alla mobilitazione che, comunque, dovrebbe garantire alcune fasce di servizio in tutte le città.

A Roma, i mezzi pubblici si fermeranno dalle ore 8.30 alle 17.00 e dalle 20.00 fino alla fine del servizio.

A Milano servizi di trasporto pubblico sospesi dalle ore 9.45 alle ore 15.00, riprendendo dalle ore 18.00 fino alla conclusione del servizio.

A Torino, la metropolitana passerà dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15; le autolinee extraurbane funzioneranno da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30; sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres in circolazione da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30.

A Bologna, lo sciopero è indetto dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 fino all’orario di chiusura del servizio. Tuttavia, l’azienda locale precisa che le corse sono garantite solo fino a quarto d’ora prima l’inizio della sospensione, ovvero fino alle 8.15 e alla 19.15.

Per Genova, Firenze, Napoli e Palermo, invece, le ditte che gestiscono il servizio pubblico non hanno ancora reso note le fasce di garanzia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

FOTO - Calendario delle studentesse 2014: "Il coraggio è donna"

Next Article

CUS Chieti - La struttura riapre e chiede scusa: "Serve l'attenzione di tutti"

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.