Venerdì 24 gennaio sciopero dei mezzi: tutte le fasce di garanzia

sciopero mezzi venerdì 24 gennaio

Sciopero dei mezzi venerdì 24 gennaio – Il sindacato USB Lavoro Privato ha confermato lo sciopero che coinvolgerà i lavoratori dei trasporti pubblici nelle città di Roma, Milano, Torino, Bologna, Firenze, Napoli e Palermo.

I lavoratori incroceranno le braccia per protestare contro la privatizzazione del trasporto pubblico rea, a loro giudizio, di impoverire il servizio offerto ai cittadini e di dare poche garanzie al di lavoro a chi vi opera. Diverse le modalità di partecipazione alla mobilitazione che, comunque, dovrebbe garantire alcune fasce di servizio in tutte le città.

A Roma, i mezzi pubblici si fermeranno dalle ore 8.30 alle 17.00 e dalle 20.00 fino alla fine del servizio.

A Milano servizi di trasporto pubblico sospesi dalle ore 9.45 alle ore 15.00, riprendendo dalle ore 18.00 fino alla conclusione del servizio.

A Torino, la metropolitana passerà dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15; le autolinee extraurbane funzioneranno da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30; sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres in circolazione da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30.

A Bologna, lo sciopero è indetto dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 fino all’orario di chiusura del servizio. Tuttavia, l’azienda locale precisa che le corse sono garantite solo fino a quarto d’ora prima l’inizio della sospensione, ovvero fino alle 8.15 e alla 19.15.

Per Genova, Firenze, Napoli e Palermo, invece, le ditte che gestiscono il servizio pubblico non hanno ancora reso note le fasce di garanzia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

FOTO - Calendario delle studentesse 2014: "Il coraggio è donna"

Next Article

CUS Chieti - La struttura riapre e chiede scusa: "Serve l'attenzione di tutti"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".