CUS Chieti – La struttura riapre e chiede scusa: “Serve l’attenzione di tutti”

cus

Mancati pagamenti, avvisi di chiusura, sospensioni delle attività, proteste degli studenti. Sembra chiarirsi definitivamente la questione del CUS dell’Uiversità di Chieti – Pescara, che aveva provocato non poche polemiche.

Questi i fatti. Il Centro Universitario Sportivo dell’Ateneo aveva deciso di chiudere tutte le strutture, lamentando mancanti pagamenti da parte dell’Università. Una notizia che aveva scatenato non poche polemiche, soprattutto tra gli studenti. Da ieri, però, le porte della struttura sono state riaperte. A comunicarlo è stato lo stesso CUS, con una nota ufficiale diffusa nell’Ateneo.

“La chiusura – si legge nel comunicato – si era resa necessaria per evidenziare all’opinione pubblica la totale indifferenza dell’Ateneo di fronte alle esigenze di migliaia di studenti. L’inadempienza dell’Università in ogni ordine e grado oggi è stata completamente smascherata e noi, come sempre, non vogliamo penalizzare ulteriormente la parte più debole che è quella degli studenti universitari che quotidianamente frequentano i nostri impianti e utilizzano i servizi che il Cus mette loro a disposizione”.

Insomma, una decisione drammatica, presa con l’intento di sollevare l’attenzione dell’opinione pubblica. “Con il sacrificio dei tecnici, dei collaboratori e dei dirigenti, nonostante le difficoltà, la gestione sarà garantita – conclude il Centro Universitario Sportivo – ed il servizio continuerà ad essere quello di sempre”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venerdì 24 gennaio sciopero dei mezzi: tutte le fasce di garanzia

Next Article

Il ministro Carrozza e il Viaggio della Memoria: "Il futuro parte da qui"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.