Veltroni: ritirare il decreto Gelmini

scuola.jpgIl bilancio della protesta contro la riforma Gelmini continua ad essere bollente. Ieri è stata una delle giornate più calde, con gli scontri tra studenti e forze dell’ordine a Milano, cortei a Bologna e Firenze, lezioni in piazza davanti a Palazzo Chigi e il Presidente Napolitano alla Sapienza dir Roma per incontrare i “contestatori”. E oggi arrivano nuovi commenti politici “via radio”, sia dall’opposizione che dalla maggioranza.
Secondo Walter Veltroni, alle proteste così ampie e diffuse contro la riforma della scuola, il governo dovrebbe “ritirare il decreto Gelmini e le misure con i tagli alla scuola e all’università”, dandosi comunque degli “obiettivi di finanza pubblica” che affrontino il problema della diminuzione della spesa.
“Il problema – ha continuato il Segretario del Pd in un intervento a Radio Anch’io – è che tutto è partito da esigenze di tagli e non da esigenze di riforma”, tanto è vero che già nel Dpef erano state inserite misure che riducevano di otto miliardi i fondi per scuola e università, “e poi su questa base il governo ha trovato le soluzioni conseguenti». “Il movimento di protesta è ampio – ha sottolineato Veltroni – e non può essere identificato con gli estremisti, come fa oggi qualche giornale di destra».
E qui Veltroni ha fatto il suo appello: “Io chiedo che il governo faccia un gesto politico: ritiri il decreto Gelmini e le misure con i tagli, magari indicando anche degli obiettivi di finanza pubblica, che affrontino il problema dei risparmi”.
Gli fa eco da un’altra emittente radiofonica, Radio 24, il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi: le proteste di questi giorni contro il decreto Gelmini sono guidate da “giovani presuntuosi e politicizzati”, frutto di una scuola e di una università “autoreferenziali” nate negli anni Settanta. Secondo Sacconi le proteste sono dettate dal “pregiudizio: si tratta di minoranze politicizzate, con giovani presuntuosi che talora guidano queste manifestazioni. Presuntuosi perché presumono di avere capito tutto. Sono politicizzati: peccato però che non facciano il loro interesse e quello della loro generazione, che dovrebbe essere quello di contestare una scuola e un’università molto autoreferenziali, rese così dai loro padri negli anni Settanta, che vi hanno introdotto «una sorta di nichilismo nella nostra società”.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Copywriter per agenzia milanese

Next Article

Berlusconi, stop alle occupazioni

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

Da mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.