Università di Pisa, arriva il libretto per i trans. Soddisfazione per gli studenti

libretto universitario
Università di Pisa, arriva il libretto transgender. Il Senato Accademico ha infatti avviato i lavori per la predisposizione del doppio libretto per studenti transgender e transessuali.
“Si tratta di un provvedimento fortemente voluto da Sinistra per… e dalle Associazioni LGBTIQ del territorio, rilanciato pochi mesi fa, da una mozione in Consiglio degli Studenti – commentano i ragazzi dell’associazione studentesca Sinistra Per.. in un comunicato inviato alla redazione del Corriere dell’Università.
La prassi del doppio libretto, già  istituita con successo in altri Atenei, permette alle persone in transizione di vivere più serenamente il contesto universitario, avendo la possibilità di utilizzare la propria identità di scelta che, ad oggi, previo iter di riattribuzione chirurgica di sesso biologico, non comporta l’aggiornamento dei documenti della persona se non in tempi estremamente lunghi.
“Questo, nell’ottica di eliminare quelle barriere che, anche nel nostro Ateneo, non garantiscono a molte persone un benessere psicofisico completo e, ad oggi, una piena cittadinanza” – continua il comunicato.
“Ritenendo questa misura un passo importante per la realizzazione della piena eguaglianza tra persone, anche negli spazi universitari, Sinistra Per… , Pinkriot e Arcilesbica seguiranno attivamente l’iter della sua realizzazione, impegnandosi per la sua concreta approvazione”.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bonus Maturità, il ministro Carrozza firma il decreto: ecco come fare per inserire il proprio voto

Next Article

SUN, sorpresa per Natale: "Cureremo 4 bambini iracheni per ridare loro il sorriso"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.