Università degli Studi di Milano: concorsi per nuove assunzioni

Nuove assunzioni in Lombardia. L’Università degli Studi di Milano ha indetto 4 concorsi per assunzioni di vari profili professionali. I concorsi scadono il 27 Febbraio 2020 e il 2 Marzo 2020.
Sono stati indetti, infatti, 4 concorsi per l’assunzione a tempo indeterminato dei seguenti profili professionali:
n.1 posto presso Area amministrativo-gestionale – Dipartimento di Medicina Veterinaria – Cat. D, attività di ricerca sede di Lodi. Scadenza 27 Febbraio 2020.
n. 1 posto presso Area tecnico-scientica – Dipartimento di Medicina Veterinaria, tecnico esperto in ICT e GDPR – Cat D, sede di Lodi. Scadenza 27 Febbraio.
n. 2 posti presso Area amministrativo gestionale – Direzione Risorse umane – Cat. D. Si segnala che un posto è riservato ai volontari delle FF.AA; Scadenza 27 Febbraio 2020.
n. 2 posti presso Direzione Generale, Staff Pianificazione – Cat. C. Si segnala che un posto è riservato prioritariamente ai volontari delle FF.AA. Scadenza 2 Marzo 2020.
Per partecipare ai concorsi, i candidati devono essere in possesso dei requisiti generali di seguito riassunti:
– cittadinanza italiana o di altro Stato dell’UE o di una delle altre categorie ammesse dai bandi;
– età non inferiore agli anni 18;
– idoneità fisica all’impiego;
– essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari per i nati fino al 1985;
– godimento dei diritti civili e politici;
– non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
– non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, né essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale e né essere stati licenziati per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi e comunque con mezzi fraudolenti.
E’ richiesto, inoltre, il possesso dei seguenti requisiti specifici in base al concorso per il quale ci si candida:
DIPARTIMENTO MEDICINA VETERINARIA – ATTIVITA’ DI RICERCA
– esperienza del contesto universitario e della legislazione universitaria;
– conoscenza dei bandi di finanziamento nazionali e sovranazionali per la ricerca nell’ambito delle Life Science;
– conoscenze nella predisposizione e rendicontazione dei budget;
– conoscenza di base dei principali software per la ricerca (Scival, Scopus, WOS);
– conoscenze inerenti la terza missione dell’Ateneo;
– conoscenza della lingua inglese;
– buone capacità relazionali;
– titolo di studio: diploma di laurea conseguito secondo le disposizioni di cui al D.M. 509/1999 e al D.M. 270/2004, come successivamente modificato e integrato, ovvero secondo le disposizioni previgenti ai predetti decreti ministeriali;
AREA TECNICO-SCIENTIFICA, TECNICO ESPERTO
– esperienza nella diagnostica hardware e modalità di ripristino;
– esperienza dei principali sistemi operativi;
– conoscenza dei principali protocolli di rete: tcp/ip, ftp, imap, pop, smtp;
– conoscenza delle normative in tema di ICT e GDPR;
– capacità di gestione delle postazioni di lavoro e dispositivi multifunzione;
– conoscenza della lingua inglese;
– buone capacità relazionali;
– titolo di studio: diploma di laurea conseguito secondo le disposizioni di cui al D.M. 509/1999 e al D.M. 270/2004, come successivamente modificato e integrato, ovvero secondo le disposizioni previgenti ai predetti decreti ministeriali.

DIREZIONE RISORSE UMANE
– conoscenza del contesto universitario, della legislazione universitaria e dello Statuto d’Ateneo;
– conoscenza della contabilità economico-patrimoniale;
– conoscenza approfondita degli aspetti del rapporto di lavoro nelle Pubbliche amministrazioni (Decreto Legislativo 165/2001 e s.m.i., L.240/2010 e successivi decreti di attuazione), e capacità di applicarli e declinarli sul piano operativo;
– conoscenza degli aspetti riguardanti la gestione giuridica, economica e retributiva del personale universitario, e capacità di applicazione e declinazione sul piano operativo;
– conoscenza delle materie connesse alla disciplina dei contratti di lavoro dipendente, con particolare riferimento ai CCNL del comparto Università, allo stato giuridico e al trattamento economico del personale docente (professori e ricercatori universitari);
– conoscenza della normativa relativa alle incompatibilità relative allo svolgimento di incarichi esterni da parte del personale universitario;
– buona conoscenza e capacità in ambito informatico (applicativi di composizione di testi e fogli di calcolo e gestione dati, quali Word, Excel e Access);
– conoscenza della lingua inglese (scritta e parlata);
– capacità di supportare processi diversificati e trasversali attinenti alla gestione dei rapporti di lavoro nell’ambito universitario e del personale in convenzione ospedaliera (D.Lgs. 517/1999 e ss.mm.ii.);
– capacità organizzative di attività in un’ottica di problem solving e di risultato.
– titolo di studio: diploma di laurea conseguito secondo le disposizioni di cui al D.M. 509/1999 e al D.M. 270/2004, come successivamente modificato e integrato, ovvero secondo le disposizioni previgenti ai predetti decreti ministeriali.

DIREZIONE GENERALE , STAFF PIANIFICAZIONE
– conoscenza della legislazione nazionale relativa all’organizzazione delle università e dello Statuto di Ateneo;
– conoscenza della legislazione nazionale relativa alle funzioni e agli adempimenti del Nucleo di Valutazione – OIV, con particolare riferimento alla L. 370/1999, al D.lgs. 150/2009 così come modificato dal D.lgs. 74/2017, alla L. 240/2010, al D.lgs. 19/2012, al D.M. 45/2013 e al D.M. 6/2019;
– conoscenza della legislazione nazionale relativa al sistema di Assicurazione della Qualità e alle Linee Guida ANVUR, con particolare riferimento alle funzioni del Nucleo di Valutazione e alla rilevazione delle opinioni degli studenti;
– conoscenza di elementi basilari di probabilità e statistica, con particolare riferimento alla raccolta, organizzazione, sintesi e analisi dei dati;
– ottime capacità redazionali e di utilizzo di Word;
– ottima conoscenza di Excel;
– conoscenza della lingua inglese parlata e scritta;
– predisposizione a lavorare per obiettivi, per progetti ed in team;
– capacità di organizzare il proprio lavoro e di rispettare le scadenze prestabilite;
 titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di II grado.

Le procedure selettive si espleteranno mediante la valutazione dei titoli e il superamento di prove d’esame scritte ed orali. Per conoscere nel dettaglio le prove d’esame relative al profilo d’interesse vi rimandiamo alla lettura dei singoli bandi, pubblicati sulla GU n. 8 del 28-01-2020 e n. 9 del 31-01-2020. Per partecipare ai concorsi indetti dall’Università degli Studi di Milano è necessario presentare le domande, redatte secondo il modulo allegato al relativo bando, entro le date sopraindicate, secondo una delle seguenti modalità:
– a mano presso l’Ufficio Concorsi Personale Tecnico Amministrativo, Via S. Antonio n. 12 – Milano, nei giorni di apertura al pubblico;
– a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento indirizzandola all’Università degli Studi di Milano, Via Festa del Perdono n. 7 – 20122 Milano;
– a mezzo Posta elettronica certificata (PEC), inviando dal proprio indirizzo di PEC personale, all’indirizzo [email protected]
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università: Settis, fuga cervelli errore madornale

Next Article

Ottimo lo Spallanzani sul coronavirus. Ma ora investiamo di più sulla ricerca. Parla Lorenzin

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.