UniTrento: per andare in bagno gli studenti dovranno usare il badge

Andare in bagno sarà tutta un’altra storia. Alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento sono stati introdotti dei badge magnetici obbligatori per accedere ai servizi igienici. Da tempo gli studenti attendevano un provvedimento simile: il motivo che sta alla base del provvedimento è evitare che si introducano all’interno dei bagni persone esterne all’Università, come accaduto più volte negli ultimi tempi.
Soddisfatti gli studenti, che per accedere ai bagni dovranno letteralmente timbrare il cartellino. “Vogliamo pubblicamente congratularci con il professore Fulvio Ferrari, Direttore del Dipartimento di Lettere e Filosofia, nonché con il Vicedirettore Prof. Gustavo Corni, che sappiamo essersene interessato personalmente, per la felice decisione di voler garantire non solo a parole ma con un’azione concreta, la sicurezza delle studentesse e degli studenti del nostro ateneo” – sottolineano gli studenti dell’associazione Atreju.
Già dallo scorso novembre gli studenti lamentavano la presenza ripetuta di accattoni e prostitute all’interno dei locali dell’Università, nello specifico ai servizi igienici. Da lì, la decisione di intervenire concretamente. “Da oggi ogni studentessa e studente che si recherà ai servizi igienici della facoltà di Lettere potrà sentirsi al sicuro, e ci sentiamo, quindi, di considerare questo provvedimento una grande vittoria per tutti noi studenti” – concludono i ragazzi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il sogno di Marta: "Dare lavoro ai disabili come me"

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 5 marzo

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".