Unicredit, 60mila euro per attrarre cervelli

Un contributo di 60 mila euro e la possibilità di trascorrere un anno all’università di Bologna per collaborare ad un progetto di ricerca sul finanziamento delle famiglie e delle imprese.

Un contributo di 60 mila euro e la possibilità di trascorrere un anno all’università di Bologna per collaborare ad un progetto di ricerca sul finanziamento delle famiglie e delle imprese. A vincere la terza edizione della borsa di studio in Retail banking and financè messa a disposizione da Unicredit in collaborazione con l’Alma Mater è Pierluigi Murro, 28 anni, originario di Bari, dove è docente a contratto.

Obiettivo specifico del lavoro di ricerca, presentato in una conferenza stampa nella sede bolognese di Unicredit, è approfondire l’impatto positivo esercitato dalle collaborazioni in rete su attività strategiche come internazionalizzazione e innovazione e, più in generale, sulla competitività delle piccole e medie imprese italiane. Il programma punta ad attrarre a Bologna giovani ‘cervellì. «È un investimento sui talenti», ha detto Luca Lorenzi, responsabile di territorio Centro Nord di Unicredit, spiegando che il rapporto tra l’istituto e l’ateneo «da anni ha saputo tradursi in iniziative concrete di valore sociale e culturale».

Per Maurizio Sobrero, direttore del dipartimento di Scienze aziendali, il sostegno al progetto «è un esempio di lungimiranza soprattutto in un momento caratterizzato da innegabili difficoltà economiche. L’università – ha proseguito – risponde mettendo insieme ambiti disciplinari vicini come l’economia e il management, per affiancare al rigore della ricerca e dello studio la capacità di tradurre i risultati del lavoro dei borsisti anche in strumenti operativi». L’iniziativa è stata lodata anche da Silvia Giannini, vicesindaco di Bologna e già direttrice del dipartimento di Scienze economiche: «È un’ottima notizia. Il paese – ha detto – si ricostruisce se si fa ricerca, si cresce e si valorizzano i giovani».
Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'importante è vincere

Next Article

Nuovo programma sull’università

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.