Unibo, 2mnl contro la crisi

Un fondo straordinario di due milioni in aiuto del personale tecnico e amministrativo dell’Università di Bologna. È la proposta avanzata dal Rettore Ivano Dionigi all’esame del Senato e del Cda

Un fondo straordinario di due milioni in aiuto del personale tecnico e amministrativo dell’Università di Bologna. È la proposta avanzata dal Rettore Ivano Dionigi e che sarà nei prossimi giorni all’esame del Senato e del Cda, chiamati il 14 dicembre al voto sul bilancio.
Le risorse, ha spiegato Dionigi, verrebbero recuperate «dal rinvio di alcune spese e da alcuni tagli» e sarebbero dedicate «alla salvaguardia dei diritti fondamentali delle famiglie», in primo luogo la sanità e il diritto allo studio. «Se l’Alma Mater nonostante tutto si afferma, il merito è anche di chi timbra il cartellino ogni mattina», ha sottolineato Dionigi, secondo il quale «i lavoratori devono percepire che l’istituzione è con loro».
La situazione, d’altronde, per il Rettore non permette individualismi: «Bisogna far passare il messaggio che il destino è comune: o ci salviamo tutti o andiamo a picco». I due milioni andranno a bilanciare le misure dei decreti Brunetta e Tremonti che hanno ridotto del 10% il Fondo accessorio (passato da 9,2 a circa 8,3 milioni) e bloccato il rinnovo contrattuale per tre anni. Verrà così raddoppiato il Fondo sussidi (da 100.000 a 200.000 euro), mentre le modalità operative e i criteri di distribuzione saranno discussi nei prossimi giorni. Infine è stata definita una quota di 600.000 euro all’interno del Fondo accessorio che sarà legata al merito: «Mi auguro che i sindacati apprendano il lessico del merito», ha sottolineato Dionigi.
Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti in marcia contro il ddlScontri nel centro di Roma

Next Article

Ma quale riforma?

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.