Sogno Disney lavoro da favola

Più di mille i ragazzi interessati al sogno “Disney” per cercare di essere reclutati in questo magico esercito.

Tre giorni di fantasy selezioni a Napoli che sta ospitando anche in queste ore i colloqui per l’assunzione a tempo determinato di 100 giovani a Disneyland Paris!
In molti casi non è richiesta esperienza pregressa, ma fondamentale è la conoscenza del francese, dell’inglese e di un’altra lingua straniera e avere compiuto 18 anni.
Il tour prevede diverse tappe nelle maggiori città europee, in Italia si fermerà dal 18 al 20 Febbraio a Napoli.
Più di mille i ragazzi che si sono presentati e continueranno domani per cercare di essere reclutati in questo magico esercito. Il parco divertimenti non richiede un curriculum impossibile, basta avere almeno 18 anni e una buona conoscenza dell’inglese e del francese.
Il parco è in fase di rinnovo, sono previste aperture di nuove attrazioni e quindi le selezioni in giro per l’Europa continuano. I settori di interesse vanno dalla reception, all’area food and beverage, negozi, pulizia e ovviamente le attrazioni.
Cosa aspettate a cogliere al volo l’occasione? Anche se si parla di Disney non aspettatevi una zucca che trasformata in carrozza viene a prendervi sotto casa!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Auguri dottori!

Next Article

Conoscersi per orientarsi

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.