Un master per progettare le moto da corsa

master moto da corsa

Master in ingegneria delle moto da corsaAl via la seconda edizione del corso post lauream in Motorcycle Race Engineering. Per alcuni allievi possibilità di stage di 3 o 6 mesi nelle aziende del settore o in Racing Team

 

Al via la seconda edizione del Master in “Ingegneria della moto da corsa – Motorcycle Race Engineering”, un’occasione da non perdere per tutti i ragazzi appassionati che vogliono lavorare nel settore delle corse motociclistiche.

Dopo il successo della prima edizione, tenuta tra ottobre e maggio scorsi, ritorna il corso post lauream che mira a formare esperti nella progettazione di moto da competizione.

A promuoverlo, l’istituto privato Professional Datagest, attivo dal 1989, con il patrocinio della Federazione Motociclistica Italiana (FMI), dellla Fondazione Marco Simoncelli 58 e di Assomotoracing.

Il master ha sede a Bologna, è aperto a laureati in ingegneria meccanica o in ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni, e si articola in 10 moduli per 260 ore di didattica in aula, con frequenza part-time durante il week-end.

Il corso propone un ciclo di formazione ingegneristica che unisce le conoscenze teoriche e tecniche a quelle pratiche, con l’obiettivo di formare figure specializzate, in grado di inserirsi con professionalità e creatività nell’appassionante mondo delle moto da corsa.

Tra gli insegnamenti previsti: dinamica del veicolo; acquisizione dati e gestione Elettronica; corso Cad 3D e 2D; materiale e trattamenti termici nel Bike Motorsport; progettazione Cad di componenti motore; progettazione Cad di componenti telaio e aerodinamica.

Al termine del master, per gli studenti inoccupati viene garantito un periodo di stage di 3 o 6 mesi presso un Racing Team o una delle aziende partner del progetto, tra cui figurano: Magneti Marelli; Regina Chain; Schaeffler; Del West e CIMA Ingranaggi.

Per maggiori informazioni consultate il sito del master a questo link.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Caro scuola? Si combatte con lo shopping on line

Next Article

La crisi abbassa il quoziente intellettivo

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.