Un grafico ed un’educatrice per Benetton

Un grafico ed un'educatrice per Benetton

Nuovi stage nell’azienda trevigiana di moda e abbigliamento. Posti per grafici ed educatrici

Il gruppo Benetton ha bisogno di giovani stagisti da impiegare nella sede di Ponzano (Tv). Quale migliore occasione per lavorare in una delle imprese più famose al mondo? Presente in 120 paesi con oltre 6.400 negozi, per una produzione totale di circa 150 milioni di capi l’anno.

Potete entrare in azienda se avete una laurea/specializzazione in ambito artistico/grafica/illustrazione con ottima conoscenza dei programmi Photoshop, Illustrator e Indesign. La posizione Stage Grafico-Illustratore Kid cerca infatti una risorsa che sia di supporto nelle attività di progettazione grafica del marchio.

Laurea in scienze della formazione primaria conseguita entro dodici mesi, invece, per il profilo da Educatrice. La persona scelta collaborerà in tutte le attività educative e ludiche dell’asilo nido e della scuola dell’infanzia aziendale. Verrà coinvolta nell’organizzazione della vita quotidiana dei bambini, nelle attività d’aula e nella progettazione didattica.

Annunci disponibili con candidature aperte dalla pagina seguente:

www.benettongroup.com/it/lavora-con-noi/opportunita-professionali/posizioni-aperte

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Video: vecchina sventa una rapina e picchia con la borsetta i ladri

Next Article

Cancro alla gola, Douglas: "Colpa del sesso orale"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.