Cancro alla gola, Douglas: “Colpa del sesso orale”

Cancro alla gola Micheal Douglas

CANCRO ALLA GOLA, COLPA DEL SESSO ORALE. La star di Hollywood Michael Douglas, colpito tre anni fa da un cancro alla gola, ha imputato la malattia alla sua vita sessuale. In un’intervista rilasciata al quotidiano britannico Guardian, l’attore ha dichiarato che il suo cancro non è stato causato dagli abusi di alcool e fumo, quanto piuttosto da una malattia sessualmente trasmissibile: “Senza voler entrare troppo nei dettagli, questo tipo di cancro è causato dall’HPV (papilloma virus umano), che di fatto è causato dal cunnilinguo”.

“Sì, è una malattia sessualmente trasmissibile a causare il cancro – ha sottolineato l’attore al giornalista rimasto interdetto – e se ce l’hai, il cunnilinguo è anche la cura migliore”. Douglas rivelò nel 2010 di essere malato ed è riuscito a debellare il cancro con cicli di chemioterapia e radioterapia. “Devo sottopormi a regolari controlli, ora ogni sei mesi – ha precisato – ma da oltre due anni è tutto normale. E questo tipo di cancro, nel 95% dei casi non ritorna”. Alcune ricerche condotte dalla Facoltà di Odontologia dell’Università di Malmo e altre pubblicate dal The New England Journal of Medicine hanno suggerito una correlazione tra sesso orale e cancro alla gola.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un grafico ed un'educatrice per Benetton

Next Article

Lavoro, Camusso: "Incentivi solo a chi stabilizza i giovani"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.