UDU: no a morti di serie A e B

A Catania una fiaccolata organizzata da UDU per non dimenticare Samb Modou e Diop Mor, i due uomini senegalesi uccisi da un militante di estrema destra

Oggi, alle 20.30, partirà a Catania, da Piazza Università fino a Piazza Cutelli, una fiaccolata per non dimenticare, perchè non esistono morti di serie A o di serie B, ma solo esseri umani di pari dignità. Questo è lo scopo del corteo promosso dall’UdU Catania.

Una processione in memoria di Samb Modou e Diop Mor, i due uomini senegalesi uccisi un mese fa a Firenze da un militante esaltato di estrema destra.

Sarà un’occasione per rilanciare il ruolo attivo della società civile, unico baluardo contro la diffusione dell’ignoranza e dei pregiudizi razziali, sempre pronti a riaffiorare nella debolezza umana. All’iniziativa, aperta a tutti, aderiranno, oltre ai promotori dell’Unione degli Universitari, diverse comunità di immigrati (bengalesi, mauriziani, eritrei, rumeni), comunità religiose (indù, ortodossi), altre associazioni no-profit e organizzazioni non governative (Arci, Onda Libera, Federconsumatori, Amnesty International, Croce Rossa, CO.PE., La Seconda Generazione e Arci gay Catania), e infine il console del Senegal a Catania.

In Piazza Cutelli, al termine del corteo, ci saranno vari interventi di giovani italiani, immigrati, italiani e di II generazione che lanceranno un appello alla società civile.

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti” (art. 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo).

Fonte: comunicato stampa UDU Catania

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Due proposte per l’eccellenza

Next Article

Appello della Cruil per il diritto allo studio

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.