Udu: "Il Governo ci esclude dalla riforma"

udu.pngNon ci stanno ad essere relegati a semplici spettatori. Gli studenti vogliono essere protagonisti attivi del momento di riforma che sta investendo l’università. Per questo denunciano di essere esclusi dal Governo durante i momenti salienti di questo processo.
“Il seminario sulla governance degli atenei in corso al Miur e il Disegno di Legge del Senatore Valditara – fanno sapere in una nota di ieri gli studenti dell’Unione degli universitari – sanciscono definitivamente quale deve essere secondo questo Governo il ruolo degli studenti all’interno dell’università italiana: nessuno”.
E proseguono: “Da una parte il DDL Valditara interviene riducendo ulteriormente la presenza degli studenti all’interno degli organi collegiali, già ora irrisoria. Dall’altra parte il Governo dimostra, a partire dall’iter seguito durante l’approvazione della L. 133/08, di non volere avere alcun confronto con gli studenti”. L’Udu non ha mandato giù la presenza di un unico rappresentante della categoria durante l’incontro di oggi sulla governance. “Nonostante i proclami contenuti all’interno delle linee guida del Ministro Gelmini inneggino alla centralità dello studente – va avanti la nota -[…] il seminario di quest’oggi conferma questa tendenza prevedendo l’intervento di un solo studente a fronte di una massiccia presenza dei rettori. Per non parlare del fatto che nei documenti distribuiti ci si concentra sul problema della mobilità della docenza, senza alcun riferimento alle immense difficoltà che gli studenti incontrano nel trasferirsi da un ateneo all’altro, non vedendosi spesso riconosciuti i crediti acquisiti”.
Infine gli studenti dell’Udu denunciano il “contesto di fortissimi tagli all’università” in cui sta avvenendo la riforma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lezioni Magistrali al Suor Orsola

Next Article

Reclutamento atenei, concorsi addio

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".