Reclutamento atenei, concorsi addio

bandiconcorsi.jpgImpegno comune a rivedere le forme di governo degli atenei, riconsiderando le funzioni decisionali, la composizione dei vari organi, il loro ruolo e le loro responsabilità nella programmazione e nell’allocazione delle risorse; urgenza di riformare i meccanismi di reclutamento e promozione dei docenti, che oggi sono bloccati e che vanno allineati alle migliori prassi internazionali. È quanto emerso dal seminario su governance, valutazione e reclutamento svoltosi ieri al ministero dell’Istruzione. Una sorta di prova generale per un’intesa bipartisan alla quale hanno partecipato, assieme al ministro Mariastella Gelmini, rappresentanti del mondo accademico e politico, opposizione compresa.
«L’incontro – ha sottolineato il ministro Gelmini – rappresenta non solo uno scambio di opinioni ma la prima verifica di un metodo di lavoro e di condivisione progressiva delle scelte. Quello che più mi preme – ha aggiunto – è mettere in campo, in tempi ragionevolmente rapidi, riforme incisive e non di facciata. Nel mezzo di una recessione tanto grave quanto imprevista le buone parole e i buoni propositi servono a poco».
Un sistema nazionale di valutazione con il rilascio di un’abilitazione a cui far seguire la chiamata diretta da parte delle singole università. Si configura così la riforma del reclutamento, secondo l’opinione condivisa che sarebbe emersa, a quanto riferisce il senatore del Pdl Giuseppe Valditara, dal summit di addetti ai lavori. Il sistema dei concorsi – “valutazioni comparative” secondo la definizione ministeriale – così come inteso fino a oggi cambierà, dunque, radicalmente.
«È emersa – dice l’esponente del Pdl – un’ampia condivisione delle linee generali sulla proposta di riforma della governance e del reclutamento avanzata dal governo e dalla maggioranza. Si tratta ora di tradurla in un disegno di legge governativo che possa essere presto discusso nelle aule parlamentari. In particolare, ritengo che la linea da seguire – afferma Valditara – sia quella di un rafforzamento degli organi che devono decidere, soprattutto del rettore e del Consiglio di amministrazione, aggiungendo al principio di autonomia quello di responsabilità».
Quanto al reclutamento, la riforma delineata, fa notare Valditara, «deve eliminare consociativismo e sovrapposizione delle competenze e valorizzare in chiave meritocratica la qualità della didattica e della ricerca. Partite le riforme, bisognerà ragionare sul necessario incremento dei finanziamenti al sistema universitario».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udu: "Il Governo ci esclude dalla riforma"

Next Article

Elio De Capitani in scena alla Sapienza

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.