"Tutti per uno economia per tutti!" i percorsi tematici di Banca d’Italia per le scuole

“Tutti per uno economia per tutti!”: è questo il motto delle risorse didattiche messe a disposizione dalla Banca d’Italia. “Quando le scuole sono state le prime a chiudere per l’emergenza Coronavirus ma non a fermarsi, abbiamo voluto essere fedeli allo spirito di partecipazione sotteso ai nostri nuovi materiali didattici e così abbiamo progettato percorsi di educazione finanziaria online per gli studenti di scuola secondaria di II grado”, spiegano dalla Divisione Educazione Finanziaria della Banca d’Italia. “Ci muove la convinzione che l’educazione finanziaria a scuola sia indispensabile per poter formare cittadini in grado di compiere scelte finanziarie consapevoli e coerenti con i propri bisogni e possibilità”, aggiungono. La Banca d’Italia collabora con il Ministero dell’Istruzione dal 2007 con il progetto Educazione Finanziaria nelle scuole, che ha visto nel tempo la partecipazione di oltre 600.000 studenti.
“Per essere anche noi vicini alla scuola, in queste difficili settimane per cittadini e Istituzioni abbiamo dunque voluto contribuire al progetto di didattica a distanza #LaScuolaNonSiFerma, con percorsi tematici di educazione finanziaria, interamente fruibili sul portale di educazione finanziaria della Banca d’Italia, l’Economia per tutti, nella sezione Progetti Educativi”. Ogni percorso propone video, infografiche e quiz, che possono essere utilizzati dai docenti direttamente con gli studenti. “Questi percorsi sono stati pensati per offrire contenuti rigorosi e puntuali, ma in modo leggero e brioso perché anche noi siamo convinti che andrà tutto bene e quando torneremo cittadini attivi sarà importante saperne un po’ di più anche di economia!”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Call per studenti e neolaureati: i giovani sono chiamati a sfidarsi

Next Article

Dall'università di Bologna parte la raccolta di messaggi per Patrick

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident