Trade Marketing alla Nestlé

Il GRUPPO NESTLÉ, leader mondiale nel settore alimentare, ricerca laureato in Economia (sede di Milano) per stage di sei mesi.

Il GRUPPO NESTLÉ, leader mondiale nel settore alimentare, presente in Italia con le tre Società Nestlé Italiana ricerca, per le proprie strutture di Milano, neo-laureati da inserire per un periodo di stage semestrale in qualità di: TRADE MARKETING (Rif. TRADE)
La posizione, in affiancamento al responsabile, prevede le seguenti attività principali:
– Sviluppo delle analisi di efficacia/efficienza delle azioni promozionali
– Calcolo degli indicatori di performance dei clienti e dei prodotti
– Analisi su dati di vendita
I candidati ideali sono brillanti laureati in Economia con le seguenti caratteristiche:
– Ottime capacità analitiche, organizzative e numeriche
– Forte predisposizione a lavorare in team
– Forte orientamento al raggiungimento degli obiettivi
– Intraprendenza, ottime doti relazionali e precisione
L’ottima conoscenza del Pacchetto Office (in particolare di Excel) e una buona conoscenza della lingua inglese completano il profilo.
Gli interessati sono pregati di inviare al seguente indirizzo il proprio curriculum specificando chiaramente nell’oggetto dell’e-mail il riferimento “TRADE”: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Analista database

Next Article

Master in Amministrazione del territorio

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.