Tirocini Formativi Attivi (TFA): atteso per oggi il nuovo regolamento

tfa

Attesa per oggi una decisione del governo sulla regolamentazione del Tirocino Formativo Attivo (Tfa). A dare notizia dell’imminente soluzione è stato lo stesso Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza in un tweet di ieri pomeriggio che annunciava: “Riunione sul Tfa ordinario al MIUR e sul regolamento in corso di approvazione al Consiglio di Stato”.

Sollecitata dalle richieste di uno dei suoi follower che affermava: “11 mila insegnanti, abilitati con dura selezione e merito, abbandonati chiedono risposte” il Ministro ha assicurato che queste ultime arriveranno appunto nella giornata di oggi.

Dopo le polemiche di diverse Università italiane che non volevano ospitare i corsi per l’abilitazione all’insegnamento (PAS) e le dichiarazioni del Ministro Carrozza che in un intervista alla trasmissione Che tempo che fa dichiarava di voler “potenziare questo percorso di abilitazione”, ora finalmente potrebbe arrivare una soluzione definitiva per le migliaia di insegnanti in attesa di accedere ai tirocini e poter partecipare alle procedure di assunzione nella pubblica istruzione.

Al momento, tuttavia, non sono trapelate indiscrezioni sugli argomenti dibattuti ieri al Miur. Negli ultimi mesi si è fatta sempre più insistente la possibilità di stilare una graduatoria nazionale in cui far confluire quelle dei singoli Atenei e delle istituzioni AFAM. Una soluzione che permetterebbe ai docenti idonei ma non ammessi ai TFA a causa della carenza di posti in determinati Atenei di accedere al percorso formativo in un altro Istituto. Tuttavia permangono le perplessità dal momento che allo stato attuale le graduatorie vengono stilate seguendo i criteri stabiliti dalle singole Università e centri AFAM.

La redazione di CorriereUniv seguirà le comunicazioni provenienti dal Ministero per aggiornarvi in diretta sulle decisioni in merito ai TFA

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Baroni all'Università: uno studio mostra la diffusione del nepotismo negli Atenei

Next Article

Esame di maturità: promosso il 99% dei candidati. Ma allora a cosa serve?

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".