Test: scuse dal Miur. Entro il 20 agosto chiusura delle procedure

Errori, imprecisioni ed altre inesattezze nelle prove preselettive per entrare nel tirocinio. Il Miur si è infatti visto costretto a scusarsi oltre ad approntare in fretta una commissione di esperti che risolva le contestazioni entro l’8 agosto.Tutte le schede saranno rivalutate, entro il 20 agosto tutta la procedura di verifica ed assegnazione dei punteggi sarà chiusa e il tutto pubblicato sul sito del ministero.

Errori, imprecisioni ed altre inesattezze nelle prove preselettive per entrare nel tirocinio. Il Miur si è infatti visto costretto a scusarsi oltre ad approntare in fretta una commissione di esperti che risolva le contestazioni entro l’8 agosto.Tutte le schede saranno rivalutate, entro il 20 agosto tutta la procedura di verifica ed assegnazione dei punteggi sarà chiusa e il tutto pubblicato sul sito del ministero.

Secondo i dati forniti dalla Uil Scuola, la media degli ammessi era stata del 30%, con le punte minime del 3,3% degli ammessi in filosofia (su 4.239 iscritti passano in 141), del 3% degli ammessi in francese (su 3.000 passano in 96), e invece con l’80% della media degli ammessi in arabo (su 120 passano in 97). I 150 mila partecipanti alle preselezioni avevano 4.275 posti disponibili per accedere ai corsi della secondaria di primo grado e circa 15.792 nella secondaria, sovrastimati rispetto ai disponibili.

I test somministrati ai candidati – si apprende da Viale Trastevere – sono stati elaborati da commissioni nominate dal Ministro il 5 agosto 2011 e secretati, per ovvie ragioni di sicurezza; gli uffici competenti stanno raccogliendo tutte le segnalazioni di errori nelle domande delle prove per sottoporle all’esame di una Commissione di verifica, composta da accademici e coordinata da Lucrezia Stellacci, Capo Dipartimento per l’Istruzione“.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Argentero al Corriereuniv: “Ecco la facoltà che sceglierei oggi”

Next Article

Immissioni in ruolo, c'è l'ok Flc Cgil: “trasparenza nelle nomine”

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident