Telecamere a scuola, il Ds non le può usare per controllare i docenti

L’uso delle telecamere nelle pertinenze delle scuole è legittimo, ma il Dirigente scolastico non le può utilizzare per controllare entrate e uscite dei docenti e del personale scolastico.
DS non può spiare i docenti con le telecamere
È bene specificare che l’art.23 d.lgs. 14 settembre 2015, n. 151, noto a tutti con il nome di Jobs Act, consente l’utilizzo di apparecchiature audiovisive nelle pertinenze delle scuole, tali da consentire anche il controllo a distanza dei movimenti dei docenti e del personale scolastico.
In tale norma, che sostituisce integralmente l’art.4 della legge 300/1970, è scritto che gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e possono essere installati previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria o dalle rappresentanze sindacali aziendali.
È anche scritto che tale disposizione non si applica agli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze.
Vietato controllare presenza docenti con telecamere
È utile sapere che il comportamento del Ds deve essere sempre volto a trattare i dipendenti nel rispetto dei principi di liceità, trasparenza, pertinenza e finalità. È quindi vietato, per esempio, l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, come è capitato ad una dirigente scolastica che sanzionava i docenti per presunti ritardi di entrata in servizio o per uscita anticipata dell’orario di servizio rilevati dalle telecamere di sorveglianza.
In buona sostanza le telecamere possono essere impiegate, con il consenso sindacale, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio della scuola e possono essere installati previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria, ma non possono essere utilizziate per controllare gli orari e i movimenti del lavoratore.
L’utilizzo scorretto delle telecamere nelle pertinenze delle scuole, andrebbe anche a invadere norme volte a tutelare la privacy delle persone, per cui è uno strumento legittimo solo per gli usi consentiti dalla legge.
tecnicadellascuola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ora le Sardine sbarcano anche tra banchi e cattedre: "La scuola non odia"

Next Article

Università: il sottosegretario Martella assicura il suo impegno per il Sud

Related Posts
Leggi di più

Via libera del Senato al ddl Valditara sul voto in condotta

Fortemente voluto dal ministro dell'Istruzione, il ddl prevede diverse novità relative al comportamento degli studenti: bocciatura con il 5 in condotta, 'esamino' con il 6 e sanzioni in caso di violenze. Il provvedimento passerà adesso alla Camera