Ora le Sardine sbarcano anche tra banchi e cattedre: "La scuola non odia"

L’istituto Pacinotti di Torino approva una mozione e lancia l’appello: “Speriamo che la sottoscrivano anche altri collegi docenti”

Le sardine sbarcano anche nelle scuole di Torino. Nella piazza Castello stracolma c’erano anche i docenti dell’istituto comprensivo Pacinotti che lunedì sera hanno approvato una mozione la “scuola non odia”, con 203 voti favorevoli e 2 astenuti, per condividere le istanze della senatrice a vita Liliana Segre. “La scuola e i docenti tutti sentono come comunità di sapere e di saperi, comunità formativa, il dovere e l’obbligo di denunciare questa cultura dell’odio – scrivono gli insegnanti – Questo clima non corrispondente ai valori di cui trasmettiamo il messaggio ogni giorno a scuola, non sono funzionali al creare una comunità d’apprendimento che si basa sull’integrazione e l’inclusione, né corrispondono alla visione solidaristica della nostra Costituzione”.
Alla Pacinotti negli anni scorsi c’erano stati grandi problemi di integrazione, con un docente che aveva insultato un allievo per le sue origini. “Noi siamo una scuola di frontiera perché gli alunni che frequentano le nostre classi arrivano da tutto il mondo – racconta un docente – In questi mesi il linguaggio d’odio proposto dalla politica lo hanno patito e abbiamo pensato fosse necessario reagire”. Il collegio docenti lancia un appello alle altre scuole d’Italia: “Speriamo che anche loro sottoscrivano la mozione la scuola non odia”.
Nel testo della mozione si legge: “Con questa mozione si vuole dare una risposta a un disagio crescente di questi ultimi mesi, dato dall’assistere all’intensificazione di fenomeni di odio, intolleranza, razzismo, antisemitismo e neofascismo, che pervadono la scena pubblica accompagnandosi sia con atti e manifestazioni di esplicito odio e persecuzione contro singoli e intere comunità, sia con una capillare diffusione attraverso vari mezzi di comunicazione e in particolare sul web”.
La Pacinotti sposa insomma la battaglia della senatrice Segre: “Sentiamo di condividere gli obiettivi della Commissione Segre e ribadiamo il ruolo centrale del docente – scrivono gli insegnanti – Perché è dal basso che i contenuti della Commissione potranno poi essere praticati e realizzati, e cioè da chi ha il ruolo fondamentale di formare le sensibilità della nuova generazione, di educare all’empatia e al rispetto delle differenze di genere, etniche e religiose. È questo nuovo umanesimo che come docenti cerchiamo di diffondere ma anche di salvaguardare dagli attacchi d’odio in tutte le forme essi si presentino. Chiediamo quindi in un momento storico in cui diventa fondamentale capire ‘da che parte si sta’ di prendere posizione perché il silenzio oggi è un lusso che non ci possiamo permettere e di approvare la mozione ‘La scuola non odia” per rendere manifesta la condivisione degli obiettivi della Commissione Segre”.
larepubblica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola digitale e progetto Pon: il bilancio tra luci e ombre

Next Article

Telecamere a scuola, il Ds non le può usare per controllare i docenti

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.