Telecamera negli spogliatoi della scuola per riprendere le ragazze: 21 enne graziato dal Tribunale

telecamera negli spogliatoi

Aveva nascosto una telecamera negli spogliatoi della scuola per filmare le ragazze mentre si cambiavano: 21enne graziato davanti al Tribunale di Modena.

E’ finita bene la disavventura di un ragazzo di San Cesario, in provincia di Modena, finito in Tribunale per aver installato una telecamera nascosta nello spogliatoio femminile della scuola. Il Giudice monocratico Maria Giovanna Salsi ha pronunciato la sentenza di non luogo a procedere in seguito al ritiro della querela da parte dell Preside dell’Istituto.

I fatti contestati risalgono a tre anni fa, quando il giovane, allora 18 enne aveva installato una telecamera nascosta, con tanto di dischetto di memoria, nello spogliatoio femminile di una scuola media. Obiettivo dell’astuto voyeur: le atlete maggiorenni di una squadra di pallavolo che utilizzavano la palestra dell’Istituto nelle ore pomeridiane.

Scoperta immediatamente da un bidello, tanto che non riuscì a registrare nemmeno un’immagine osé, la telecamera venne portata alla responsabile della scuola. Partita la denuncia, i Carabinieri sono presto riusciti a risalire al giovane.

Ieri la conclusione di questa vicenda: il ragazzo si è dovuto presentare davanti al Tribunale di Modena sotto l’accusa di interferenze illecite nella vita privata. Un reato perseguito nei casi più lievi soltanto a seguito di querela della persona offesa (la preside). Nel frattempo, però, la direttrice scolastica deciso di ritirare la querela e al Giudice non è restato altro che pronunciare la sentenza di non luogo a procedere. Una bella fortuna per il ragazzo che avrebbe rischiato fino a 4 anni di reclusione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Niente compiti a casa nel weekend": lo dice una circolare del Ministero

Next Article

Bando Miur: per i giovani ricercatori a disposizione 47 milioni di euro

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.