Psicologia: una fabbrica di illusioni

p.jpgL’amore per la psicologia dilaga, nonostante il trascorrere del tempo. Sul finire degli anni Settanta se ne parlava come della facoltà più in voga del momento, e ancora adesso continua a fare proseliti. In fatto di iscritti poi, non ha nulla da invidiare ad un corso di laurea come quello in Scienze della Comunicazione. Almeno i docenti possono dirsi soddisfatti, a loro il lavoro non mancherà di certo. Diversa invece, è la situazione degli studenti, sempre più numerosi e con sempre maggiori difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro.
L’allarme arriva dall’Ordine degli Psicologi – già oggetto di un’inchiesta pubblicata proprio oggi da Il Messaggero – preoccupati non poco della scarsa valorizzazione che la professione ha qui in Italia, a partire dalle ASL che non impiegano come dovrebbero i professionisti del settore, con conseguente pericolo di sotto-occupazione diffusa.
Negli Stati Uniti ad esempio, la figura dello psicologo ha una sua ‘autorevolezza’, oltre che un riconoscimento sociale quasi del tutto sconosciuto nel nostro Paese. Ma accanto ai problemi di carattere organizzativo e di migliore “allocazione” delle risorse, esistono impedimenti oggettivi dati dal fatto che l’organico totale del Servizio Sanitario Nazionale si aggira sui 5,400 psicologi, mentre i laureati che si contano ogni anno in Psicologia viaggiano sulle 8,000 unità. Come fare ad assorbirli? Di questi tempi, avere cura del proprio benessere psico-fisico è un’esigenza molto sentita. Gli ambiti di intervento, in linea teorica, sarebbero davvero tanti.
A questo si aggiunga il flop della riforma del 3+2 che, sbagliando completamente i calcoli, ha suggerito l’eventualità della laurea triennale per farsi largo in un mercato del lavoro già troppo complicato per gli stessi laureati della specialistica.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Per i giovani diventa davvero troppo difficile l’inserimento nel lavoro e di certo la nuova Università del 3+2 non aiuta a risollevare le speranze.
    Auguriamoci che arrivino tempi migliori e che siano molto vicini!!!

Lascia un commento
Previous Article

Posti tra le borsette, solo per informatici

Next Article

Stage a Brescia per economisti o ingengeri

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".