Studenti senza istruzione per mesi, il monito del Parlamento europeo: ridurre disuguaglianze fra Stati.

Ancora una volta, se non bastasse, il tema è quello dell’istruzione. Quella che già in periodi di normalità manca a milioni di giovani investiti dalla dispersione scolastica. Ora la situazione si fa ancora più difficile a causa del Covid19 che impone una didattica a distanza che in tanti paesi europei vede escluse fette importanti di giovani studenti.

Il Parlamento europeo chiede che il divario digitale nell’UE venga colmato in quanto la pandemia ha aggravato le disuguaglianze tra gli Stati, spesso rendendo difficile l’accesso all’istruzione.

La risoluzione è stata approvata giovedì con 593 voti favorevoli, 58 contrari e 36 astensioni. L’educazione digitale deve essere una realtà per tutti , il PE condanna le “gravi discrepanze” in termini di accesso all’istruzione che si sono verificate nei Paesi UE durante il lockdown, con una alta percentuale di alunni, che arriva al 32% in alcuni Paesi, che non hanno avuto accesso all’istruzione per diversi mesi. I deputati temono che tale perdita di apprendimento possa ridurre i futuri livelli di reddito della generazione colpita e che possa produrre un impatto potenzialmente negativo sulla crescita della produttività del lavoro e sulla competitività dell’UE nel complesso. Colmare il divario deve essere, dunque, una preoccupazione immediata e la Commissione deve dare priorità ad investimenti mirati nelle infrastrutture per migliorare la connettività a livello europeo, in particolare nelle zone rurali e remote, e per aumentare l’accesso alle apparecchiature digitali. Inoltre, si deve investire nelle opportunità di aggiornamento e di sviluppo professionale per gli insegnanti e i formatori. Rinforzare gli investimenti per prepararsi ad una seconda ondata  Parlando a nome della commissione per la cultura e l’istruzione durante il dibattito prima della votazione in plenaria, Victor Negrescu (S&D, RO) ha affermato: “Molti Paesi sono ancora impreparati alla seconda ondata che sta colpendo l’Europa. Si dovrebbe fare di più per garantire a tutti l’accesso a un’istruzione e a una formazione di qualità, e per questo dobbiamo investire nell’istruzione. Ci rammarichiamo profondamente che il Consiglio proponga tagli ai programmi che sostengono l’istruzione e la formazione. Ribadiamo la richiesta di triplicare il bilancio del programma Erasmus+. Incoraggiamo gli Stati membri ad aumentare significativamente la spesa pubblica per l’istruzione. La Commissione deve dare priorità agli investimenti nell’istruzione nel piano di ripresa”. Una visione coraggiosa per lo spazio europeo dell’istruzione  Il PE critica la mancanza di coordinamento e di scambio di buone pratiche a livello europeo e invita la Commissione e gli Stati membri a collaborare strettamente per ridurre al minimo i rischi sanitari. La Commissione dovrebbe fornire una piattaforma che consenta agli Stati membri di condividere le buone pratiche e trasformare lo spazio europeo dell’istruzione “da una visione approssimativa basata su principi generali in un programma di lavoro concreto”. Dopo il voto, la relatrice Sabine Verheyen (PPE, DE) ha dichiarato: “Accogliamo con favore il pacchetto di misure sull’istruzione presentato dalla Commissione alla fine di settembre; tuttavia, si tratta solo del primo passo. È giunto il momento che la visione di uno spazio europeo dell’istruzione e di un rinnovato piano d’azione per l’istruzione digitale sia sostenuta da misure concrete e da fondi adeguati”. 
Secondo l’UNESCO, durante la prima crisi di COVID-19 anche nei paesi più sviluppati del mondo l’accesso all’istruzione digitale è stato di circa il 90%, il che significa che ancora il 10% degli alunni delle scuole è stato escluso. Inoltre, meno del 25% dei paesi a basso reddito ha fornito una qualche forma di apprendimento a distanza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Usa 2020, Trump: "Pandemia colpa della Cina". Biden: "Presidente più razzista di sempre"

Next Article

Coronavirus, come ridurre la diffusione a scuola

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.