Studenti, garantire il diritto allo studio

Riportiamo la nota del Coordinamento studenti per il diritto allo studio riguardo i ritardi nelle erogazioni dei fondi da parte della regione Lazio e di Laziodisu

Riportiamo la nota del Coordinamento studenti per il diritto allo studio riguardo i ritardi nelle erogazioni dei fondi da parte della regione Lazio e di Laziodisu  

Dopo l’occupazione degli uffici di Laziodisu di via de Lollis, il Coordinamento per il Diritto allo Studio ha ottenuto la visione dell’elenco dei mandati di pagamento, che la Regione Lazio ha trasmesso all’ente Laziodisu. La trasmissione dei pagamenti avverrà in data 29 febbraio e Laziodisu dichiara che, a causa delle necessarie procedure amministrative, sarà in grado di sbloccare i pagamenti entro 15 giorni lavorativi.

Il Coordinamento studenti per il diritto allo studio si impegna a verificare che tali tempistiche vengano effettivamente rispettate, tramite un incontro con il direttore di Laziodisu che avverrà nel giorno successivo alla data indicata per lo sblocco dei fondi.

Siamo convinti che la nostra battaglia non possa fermarsi qui. La sistematicità dei ritardi nelle erogazioni dei fondi e l’incertezza dei tempi entro cui verranno sbloccati i fondi per i pagamenti arretrati mina fortemente la possibilità per gli studenti borsisti di proseguire serenamente il proprio percorso di studi. C’è la necessità di un impegno da parte della Regione e di Laziodisu di garantire il diritto allo studio nei tempi e nelle modalità previste dal bando.

Continueremo a lottare per difendere i nostri diritti e per impedire lo smantellamento del sistema del diritto allo studio.

Coordinamento studenti per il diritto allo studio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Parte il Tirocinio Formativo Attivo Abilitazione per 20mila docenti

Next Article

Mediazione per genitori in lite

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.