Parte il Tirocinio Formativo Attivo Abilitazione per 20mila docenti

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca rende noto, dopo aver acquisito i pareri favorevoli del Ministero per la Pubblica amministrazione e semplificazione e del Mef, il numero dei posti disponibili per le immatricolazioni al Tirocinio Formativo Attivo per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca rende noto, dopo aver acquisito i pareri favorevoli del Ministero per la Pubblica amministrazione e semplificazione e del Mef, il numero dei posti disponibili per le immatricolazioni al Tirocinio Formativo Attivo per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Il TFA consiste in un corso di preparazione all’insegnamento di durata annuale, istituito dalle università che attribuisce all’esito di un esame finale, il titolo di abilitazione all’insegnamento in una delle classi di abilitazione previste dal d.m. n. 39/1998 e dal d.m. n. 22/2005.

Il Miur prevede di avviare le prove di accesso al TFA entro e non oltre giugno 2012.

I NUMERI

Scuola secondaria di primo grado

Per l’anno accademico 2011/2012 i posti disponibili per le immatricolazioni al Tfa per l’insegnamento nella scuola secondaria di primo grado sono 4.275, definiti in ambito regionale per ciascun ateneo.

Scuola secondaria di secondo grado

Per le immatricolazioni al Tfa per l’insegnamento nella scuola secondaria di secondo grado invece, i posti disponibili sono 15.792.

RIPARTIZIONE GEOGRAFICA

Regione   TFA I Grado TFA II Grado
ABRUZZO   130 580
BASILICATA   60 135
CALABRIA   190 685
CAMPANIA   435 945
EMILIA ROMAGNA   298 1116
FRIULI-VENEZIA GIULIA   65 214
LAZIO   595 2690
LIGURIA   80 187
LOMBARDIA   501 2306
MARCHE   215 695
MOLISE   80 270
PIEMONTE   130 320
PUGLIA   530 1770
SARDEGNA   140 534
SICILIA   335 1610
TOSCANA   190 753
TRENTINO ALTO-ADIGE   66 87
UMBRIA   70 305
VENETO   165 590

CHI PUO’ ACCEDERVI

Il d.m. n. 249/2010 che regola il sistema di formazione iniziale del personale docente stabilisce che, in regime transitorio, possono conseguire l’abilitazione per l’insegnamento nella scuola secondaria di I e II grado, attraverso il tirocinio formativo attivo:

– coloro che alla data di entrata in vigore del regolamento sono in possesso dei requisiti previsti dal d.m. n. 22/2005 per l’accesso alle scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario e i possessori di laurea magistrale corrispondente a una delle lauree specialistiche cui fa riferimento il d.m. n. 22/2005;

– che nell’anno accademico 2010-2011 risultano iscritti a uno dei percorsi finalizzati al conseguimento di uno dei suddetti titoli;

– coloro che sono in possesso del diploma ISEF, già valido per l’accesso all’insegnamento di educazione fisica.

Si apre dunque la via per l’abilitazione all’insegnamento dopo un periodo prolungato di “interregno

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Sabato 17 marzo convegno nazionale COSAU

Next Article

Studenti, garantire il diritto allo studio

Related Posts
Leggi di più

Milano, supplenti rifiutano l’incarico: è emergenza

Per asili ed elementari è scattata la chiamata diretta dai presidi. Alle scuole secondarie superiori i problemi maggiori, con rinunce anche all’ultimo minuto. La scuola non è più sempre di più un parcheggio lavorativo?