Strett parade e assedio

Il programma di questa giornata di mobilitazione studentesca è pieno di speranza. Dal corteo BLOCCHIAMO TUTTO al pomeriggio di studio in piazza, i ragazzi organizzano l’assedio del Parlamento.

Il programma di questa giornata di mobilitazione studentesca è vasto e soprattutto pieno di speranza.
Si parte con il corteo BLOCCHIAMO TUTTO che attraverserà le strade di Napoli partendo dalla facoltà di scienze federiciana. Alle ore 10.00 tutti gli studenti si sono dati appuntamento a Palazzo Giusso, sede de L’Orientale, dove andranno aula per aula ad interrompere le lezioni in corso. Alle ore 10.30 dalla facoltà di lettere della Federico II i giovani partenopei si muoveranno verso Piazza San Domenico Maggiore per l’iniziativa “Gli studenti veri sono in piazza a studiare“.
Nel pomeriggio si prosegue ancora a Palazzo Giusso dove alle 14.00 si organizzeranno una Street Parade notturna prevista per il 12 dicembre e l’assedio del Parlamento a Roma per il 14. In contemporanea alla facoltà federiciana di giurisprudenza terrà un’assemblea di facoltà nelle aule del palazzo di vetro.
I vari coordinamenti universitari fanno sapete che è prevista un’iniziativa “a sorpresa” per domattina alle ore 09.00 nel cuore della città che dovrebbe causare qualche disagio. Alle 10.30 a Palazzo Giusso verrà trasmesso il celebre film I cento passi e per l’occasione l’attore protagonista Luigi Lo Cascio interverrà sui temi della protesta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Biofordrug: bio-diagnosi per l’Alzheimer

Next Article

IPSEF: a scuola di inglese on line

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.