IPSEF: a scuola di inglese on line

L’IPSEF promuove l’iniziativa “La conoscenza della Lingua Inglese per la formazione dei docenti” nel’ambito del progetto [email protected]

L’I.P.S.E.F., l’Istituto per la Promozione e lo Sviluppo dell’Educazione e Formazione ente accreditato al MIUR per la “Formazione al Personale della Scuola” in convenzione con British Institute e con il patrocinio dell’Università Telematica “Giustino Fortunato”, sostiene un corso di formazione e aggiornamento denominato “La conoscenza della Lingua Inglese per la formazione dei docenti” nel’ambito del progetto [email protected].
Come si evince dal nome del progetto, il corso è finalizzato alla formazione dei docenti e rientra nello schema di decreto recante il “Regolamento sulla formazione iniziale dei docenti” della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado. Particolarità del corso è che si svolgerà completamente on line tramite la Piattaforma E-Learning IPSEF ed accompagnerà i docenti fino al conseguimento della Certificazione linguistica di Livello B2 del Common European Framework of Reference for Languages (CEFR).
Per ulteriori informazioni consultare www.ipsef.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Strett parade e assedio

Next Article

Imprenditori sociali crescono

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.