Stop alla navetta comunale, le figlie non vanno più a scuola

89516_1076055_SF03000000_8769181_mediumNon manda a scuola le figlie per protesta, perché il Comune ha sospeso il servizio di trasporto pubblico. Ma il padre denuncia: pare che la cosa importi poco alle istituzioni.

Giorgia e Giada, due bambine di 11 e 16 anni, non vanno a scuola sin dal 4 febbraio.

Il padre, Maurizio Pegoraro, è deciso a continuare la protesta.

“Siamo sotto elezioni, tutti promettono mari e monti e poi ecco i risultati”, ha detto. Lui si alza alle 4 del mattino e esce da casa alle 5, ovviamente, non può portare di persone le piccole a scuola, ben 3 ore prima, spiega.

“E’ una vergogna. Nessuna delle istituzioni si è degnata di dare una risposta. Né il Comune, né la Prefettura. Lunedì, io ho portato le mie figlie a scuola perché ero di riposo da lavoro ma è assurdo che sia la famiglia a dover garantire diritti che la Costituzione stabilisce sia lo Stato a garantire”, ha detto.

L’uomo ha persino presentato un esposto alla Procura per segnalare la violazione dell’articolo 34 della Costituzione. E’ deciso, poi, a scrivere anche al Presidente della Repubblica.

Secondo le normative, dovrebbe essere garantito un trasporto scolastico che porti da scuola a casa, e viceversa. L’uomo racconta: “Qui non è nemmeno questo. Si tratta solo di portarle da Monterone alla prima fermata del bus. Io, che ho una famiglia monoreddito, pago tre abbonamenti, uno da Ballabio a Cremeno, dove studia Giorgia, e due per andare da Ballabio a Lecco e da Lecco a Valmadrera, dove studia Giada. E’ un servizio a metà rispetto a quanto stabilito dalla norma”.

 

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A 5 anni cachet da 3mila dollari per la figlia di Angelina Jolie

Next Article

Problemi di salute, Lady Gaga annulla il Tour

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident