Start in Style per il Made in Italy

La Provincia di Milano, l’Assessorato Moda Eventi Expo, presentano due attività rivolte ai giovani, per sostenere e stimolare le nostre eccellenze, in particolar modo nel settore della moda e del Design, che rappresentano il vero motore creativo del Made in Italy.

La Provincia di Milano, l’Assessorato Moda Eventi Expo, presentano due attività rivolte ai giovani, per sostenere e stimolare le nostre eccellenze, in particolar modo nel settore della moda e del Design, che rappresentano il vero motore creativo del Made in Italy.

Il bando Start in Style (finanziato anche dalla Comunità Europea) dedicato al sostegno di progetti e imprese creative orientati ai mercati esteri. Il bando metterà a disposizione risorse per la formazione delle necessarie competenze e per la costruzione degli adeguati strumenti per affrontare la competizione internazionale. L’iniziativa “Spazio ai giovani”, in collaborazione con il Museo dei Navigli di Milano, è rivolta ai giovani stilisti e designer emergenti che potranno disporre degli spazi del museo per organizzare opportunità di promozione e momenti di visibilità per le proprie creazioni.

Alla conferenza stampa di presentazione interverranno: :
– On. Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano
Silvia Garnero, Assessore alla Moda, Eventi, Expo della Provincia di Milano
Pasquale Maria Cioffi, Direttore del Settore Expo 2015, Moda, Eccellenze, Eventi
Umberto Di Feo, Dirigente Meta Ventures
Giuseppe Zingale, Dirigente Area Lavoro di Afol Milano
Andrea Mascaretti, Presidente Bic La Fucina
Gianni Ricotti, Direttore del Museo dei Navigli

Per scarica il bando clicca qui

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rossi Doria: "urge inversione di tendenza"

Next Article

I ragazzi del Conservatorio si esibiscono nel Pop, il 5 luglio a Palazzo Lombardia

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.