Stalking: appuntamento all’Università Parthenope

stalking

All’Università si parla di stalking: cos’è e come difendersi.
Martedì 21 maggio, ore 14.00, alla sede di palazzo Pacanowski dell’Università Parthenope, avrà luogo il secondo dei tre incontri previsti dal convegno “Il Maltrattamento nei confronti delle donne”, un’iniziativa dell’A.Di.S.U. Parthenope in collaborazione con la Facoltà di Giurisprudenza dell’Ateneo.
La parola stalking racchiude una nomenclatura di atteggiamenti persecutori che un individuo può avere nei confronti di un’altra persona, causandone stati di ansia e paura.
Lo Stalking è un fenomeno molto diffuso nel nostro Paese, dati di un’indagine nazionale Istat sulla violenza alle donne ha rilevano che quasi il 50% delle donne vittime di violenza fisica o sessuale ha subito comportamenti persecutori, 937 mila donne hanno subito violenza fisica o sessuale e lo stalking, ovvero comportamenti persecutori che le hanno particolarmente spaventate da parte del partner al momento della separazione. Dopo aver affrontato il fenomeno negli aspetti psicologici che possono generarlo, con una della voci più autorevoli della psichiatria nazionale, il prof. Alessandro Meluzzi, il prossimo incontro verterà sull’analisi degli strumenti giuridici per la tutela della persona. A parlarne sarà il prof. Alberto De Vita, Ordinario di Diritto Penale. Nel corso dell’incontro una giovane studentessa darà testimonianza di un suo racconto da giovane vittima di un caso di stalking.
Avv. Luigi Ferrandino e il Prof. Alessandro Meluzzi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Parte la carica delle 668 start up

Next Article

Bimbo prelevato a scuola, i giudici ribaltano tutto: tornerà dal padre

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".