Stage in Philips per giovani neolaureati

Gli elettrodomestici Philips reclutano giovani al primo impiego da inserire in programmi di stage con sede di lavoro nella provincia di Monza.
Le opportunità attive al momento sono due. La prima coinvolge un laureato in Economia con una buona conoscenza della lingua inglese; il tirocinio, retribuito e della durata di sei mesi, sarà effettuato nell’area trademarketing del settore Consumer Lifestyle.
Sono richiesti orientamento ai risultati, capacità di organizzazione e pianificazione e buone doti di comunicazione e negoziazione. Titolo preferenziale è una breve esperienza nell’area marketing.
Il secondo stage, nell’area Consumer Care e con il ruolo di business analyst, è alla portata di dottori in Economia o Ingegneria gestionale con ottimo inglese e conoscenza dei principali sistemi informatici (Excel, Office e Access).
Le candidature si possono inviare dal sito internet www.philips.com, utilizzando la sezione “Lavora con noi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assunzioni nelle nuove filiali Barclays

Next Article

Arci Servizio Civile, progetti speciali Abruzzo

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.