Sondaggio: Università, resto o vado all'estero?

Dopo la maturità? Si vola all’estero. Magari. Il Rapporto sulla Condizione Studentesca 2015 parla chiaro: “Non vi sono le condizioni per aumentare l’internazionalizzazione dell’Università italiana”. In sostanza mancano fondi e volontà, anche da parte delle stesse regioni che dovrebbero sostenere gli studenti.  In Italia esistono due tipi di mobilità, quella nazionale e quella internazionale.
MOBILITA’ NAZIONALE – Il primo scoglio che devono affrontare gli studenti è proprio la ricerca dell’università ottimale. I contributi di trasporto, il costo degli alloggi, i parametri di idoneità alla borsa di studio e le percentuali di borse erogate sono dati fondamentali che vincolano, spesso e volentieri, la scelta dello studente. Il desiderio personale quindi, viene posto in secondo piano.
studenti 3
Gli andamenti delle immatricolazioni per ripartizione mostrano la sostanziale stabilità del Nord, un calo del Centro ( 20%) e un calo nettamente più pronunciato nel Mezzogiorno ( 30%). Il rapporto tra immatricolati e diplomati risulta nelle regioni del Mezzogiorno nettamente inferiore al resto del Paese. Osservando l’evoluzione delle immatricolazioni per regione si registra il calo della quota di immatricolati di Calabria, Campania, Sardegna, e Sicilia per quanto riguarda il Mezzogiorno e la crescita di Lombardia (16,4% del totale nel 2011/12) e Lazio (14,7%), che si confermano ai primi due posti per numero di immatricolazioni. Insomma, le regioni del sud hanno un saldo nettamente negativo, mentre il centro-nord ha un gap sostanzialmente positivo.
MOBILITA’ INTERNAZIONALE – Il numero di studenti in mobilità internazionale in entrata e in uscita sono aumentati linearmente, si nota però un lieve calo negli ultimi anni. Il calo degli ultimi anni si può evincere dalla situazione socio-economica del paese, inoltre, il numero di contributi erogati è circa il 50% del numero di domande. Non vi sono quindi le condizioni per aumentare l’internazionalizzazione dell’università italiana.
studenti 1
studenti 2
 

E voi come la pensate? Partecipate al sondaggio del Corriere dell’Università

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità di lavoro per giovani laureati con Poste Italiane

Next Article

Emanato il Decreto sulle soglie d'accesso alle borse di studio: "Dal Miur costanti ritardi"

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".