Opportunità di lavoro per giovani laureati con Poste Italiane

Poste Italiane ha annunciato una campagna di reclutamento di giovani laureati in diverse discipline da inserire nell’area di consulenza commerciale e finanziaria. Previsti contratti a tempo determinato della durata di sei mesi.
“Per la precisione, in questo periodo – spiegano dall’azienda – stiamo cercando un buon numero di neolaureati in discipline economiche. Fanno al caso nostro i dottori in economia e commercio, economia aziendale, economia delle istituzioni e dei mercati finanziari, scienze bancarie ed assicurative, economia degli intermediari finanziari e scienze statistiche. Ma più in generale tutti i laureati in discipline economiche. I prescelti lavoreranno in azienda, firmando contratti a tempo determinato della durata di sei mesi”.
Requisiti essenziali per partecipare a quest’offerta sono l’aver conseguito il diploma di laurea da meno di 24 mesi con una votazione minima di 102/110, la buona conoscenza della lingua inglese e del pacchetto informatico Microsf Office Automation. Completano il profilo capacità commerciali e orientamento al cliente.
Chi verrà selezionato dovrà occuparsi di promuovere i prodotti finanziari e assicurativi di Post Italiane a vecchi  nuovi clienti. Svariate le sedi di lavoro data la presenza capillare del gruppo PI in tutta Italia.
Per maggiori informazioni, e per conoscere l’elenco dettagliato delle sedi disponibili, potete consultare la pagina sul sito di Poste Italiane dedicata a quest’offerta.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

All'Università di Torino niente tasse per i profughi

Next Article

Sondaggio: Università, resto o vado all'estero?

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.