All'Università di Torino niente tasse per i profughi

Niente tasse per i profughi all’Università di Torino. Ad annunciarlo è il rettore Gianmaria Ajani, insieme al prorettore Elisabetta Barberis. Ma le novità non finiscono qui: oltre ai profughi, che avranno l‘esonero per le tasse per due anni, ci saranno interventi a favore delle neo-mamme e delle studentesse incinte, che le pagheranno al 50 %.
Da quest’anno accademico, inoltre, l’Ateneo diventa datore di lavoro dei propri iscritti: una cinquantina di loro, al terzo anno di studi, faranno da tutor a circa 5 mila matricole, partecipando a un bando che prevede contratti di collaborazione a tempo parziale, quindi regolarmente retribuiti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Renzi parla all'Università di Nairobi: "Costruire un mondo migliore"

Next Article

Opportunità di lavoro per giovani laureati con Poste Italiane

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".