All'Università di Torino niente tasse per i profughi

Niente tasse per i profughi all’Università di Torino. Ad annunciarlo è il rettore Gianmaria Ajani, insieme al prorettore Elisabetta Barberis. Ma le novità non finiscono qui: oltre ai profughi, che avranno l‘esonero per le tasse per due anni, ci saranno interventi a favore delle neo-mamme e delle studentesse incinte, che le pagheranno al 50 %.
Da quest’anno accademico, inoltre, l’Ateneo diventa datore di lavoro dei propri iscritti: una cinquantina di loro, al terzo anno di studi, faranno da tutor a circa 5 mila matricole, partecipando a un bando che prevede contratti di collaborazione a tempo parziale, quindi regolarmente retribuiti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Renzi parla all'Università di Nairobi: "Costruire un mondo migliore"

Next Article

Opportunità di lavoro per giovani laureati con Poste Italiane

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"