Solo il 20,3% della classe operaia in università

Se per le scuole superiori le differenze sono davvero minime, la classe sociale dei genitori ancora oggi influenza il percorso post diploma dei figli.

Se per le scuole superiori le differenze sono davvero minime, la classe sociale dei genitori ancora oggi influenza il percorso post diploma dei figli. E’ questo il dato emerso dal Rapporto annuale dell’Istat.

La generazione nata negli anni ‘80, si è suddivisa tra un 61,9% di iscritti all’università in contesti agiati contro il 20,3% della classe operaia.

Il tasso di abbandono è decisamente più alto per gli studenti con minori possibilità (30% dei figli di operai nati negli anni ‘80, contro il 6,7% dei figli di dirigenti ed imprenditori).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riforma della scuola: merito al merito

Next Article

Varechina nella bottiglietta d'acqua. Si indaga tra i banchi

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"