Socialis, premio di laurea con tre stage in aziende prestigiose

premio di laurea

Creare nuove opportunità di incontro tra laureati ed imprese, tra responsabilità sociale e gestione aziendale, tra etica e profitto: è questa l’ambizione del Premio Socialis, giunto all’undicesima edizione e rivolto a laureati che abbiano svolto una tesi sulla responsabilità sociale.

Nel nostro Paese temi come l’etica aziendale, la responsabilità sociale, la sostenibilità e l’impatto ambientale in tutte le sue accezioni valgono, secondo l’ultima rilevazione realizzata con SWG, oltre un miliardo di euro l’anno in termini di investimenti aziendali sulle buone pratiche verso consumatori e dipendenti. L’undicesima edizione del Premio parte da questo dato di crescita e di maturità del comparto e mette in palio tre proposte di stage per i primi tre classificati, da svolgere presso Errepi Comunicazione e alcuni enti promotori, tra cui Pfizer, Novartis, Sanofi Pasteur MSD, Uman Foundation, Dompè, Manager Italia e Lega del Filo d’Oro.

Il nuovo bando, disponibile sul sito www.premiosocialis.it, è riservato a giovani che si siano laureati con una tesi sulla Corporate Social Responsibility: tra i temi d’interesse, la  responsabilità sociale d’impresa e la corporate governance; i codici etici e le nuove metodologie di rendicontazione e di valutazione; finanza etica, bilancio sociale e analisi dei comportamenti; economia dell’ambiente, della cultura e dello sviluppo sostenibile e rapporti tra profit e non profit; dalle iniziative per la salvaguardia dell’arte e dell’ambiente al sostegno della solidarietà e dei progetti umanitari; rapporti con gli stakeholders e fund raising, pubblica amministrazione e servizi al cittadino, risparmio delle risorse e impegno nei confronti dei dipendenti, attività per la sicurezza sul lavoro e marketing sociale; formazione per la CSR e cultura di gestione delle organizzazioni complesse.

“In dieci anni di Premio Socialis” dichiara Roberto Orsi, presidente di Errepi Comunicazione e direttore dell’Osservatorio Socialis, “abbiamo selezionato 630 tesi di laurea, ricevuto il contributo di 36 aziende, coinvolto 70 atenei. Ma soprattutto abbiamo dato ai 67 laureati vincitori una preziosa occasione di visibilità e un’ulteriore opportunità di accesso al mondo del lavoro. L’undicesima edizione nasce con la stessa ambizione: essere una vetrina per chi si è laureato studiando la CSR e interpretandola come una chiave di successo ed offrire nuovi spunti alle aziende che hanno investito su questo comparto”.

Il bando scade il 15 novembre 2013: tutte le informazioni sulle regole di presentazione delle candidature sono reperibili sul sito. A valutare gli elaborati sarà una giuria composta da Maria Ludovica Agrò (Direttore Generale della Politica Regionale Unitaria Comunitaria – Ministero dello Sviluppo Economico),Leonardo Becchetti (Ordinario di Economia Politica, Università di Tor Vergata), Roberto Della Seta (Direttore Italia Green), Carlo Gelosi (Docente di Sociologia dell’ambiente e del territorio, Università per stranieri Dante Alighieri), Luigi Mariano (Docente di Etica Economica, Università Gregoriana),Fiammetta Mignella Calvosa (Direttore CSSU-Centro Studi Scenari Urbani, Università LUMSA), Roberto Orsi (Presidente di Errepi Comunicazione e Direttore dell’Osservatorio Socialis).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Benvenuta San Suu Kyi: un Nobel a Bologna

Next Article

"Basta fuga dei talenti, devono restare al Sud"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.