“Basta fuga dei talenti, devono restare al Sud”

fuga dei talenti

 

fuga dei talenti 2

 

Fuga dei talenti – Apre il salone delle Opportunità: OrientaSud, una tre giorni di orientamento alla scelta post diploma per i ragazzi delle scuole superiori. All’incontro inaugurale, ieri a NApoli, è intervenuto anche il Ministro Giovannini, che ha voluto lanciare il suo messaggio di speranza ai giovani presenti tramite videoconferenza: “Non deve più accadere che i giovani del Sud siano costretti a emigrare per trovare lavoro”.

Un’impegno concreto da parte delle istituzioni italiane ed europee: per la prima volta, infatti, anche la Commissione Europea è presente alla rassegna organizzata dalla fondazione Italia Orienta. Si tratta del primo evento di orientamento nel Mezzogiorno cui le istituzioni europee partecipano formalmente.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2013/10/30SIF3160.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Socialis, premio di laurea con tre stage in aziende prestigiose

Next Article

Università, l'allarme dei docenti: "Basta baronato, serve una commissione nazionale"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.