Sniffano cocaina per aiutare la ricerca

download (5)

Un’università paga i suoi studenti per sniffare cocaina.

Succede in Gran Bretagna, a Londra, dove il King’s College ha inviato a tutti i suoi studenti una mail alquanto bizzarra: gli studiosi hanno infatti bisogno di giovani che sniffino cocaina per una ricerca sugli effetti della droga.

Coloro che accetteranno di sottoporsi all’esperimento verranno retribuiti. Si parla di una “ragionevole ricompensa finanziaria” in base al tempo, allo sforzo e alle spese effettuate per partecipare all’esperimento.

Si tratterà di partecipare a 120 giorni di esperimenti e test, nonché di sottoporsi a sette visite all’ospedale, durante le quali universitari o giovani dai 25 ai 40 anni dovranno consumare la droga.

Precondizioni per potersi candidare sono il superamento di un test fisico e il non essere consumatori abituali di cocaina. I ricercatori preleveranno campioni di urina, sangue, capelli, sudori e liquidi agli studenti, per comprendere quali effetti abbia la cocaina sul corpo umano.

Su Twitter, gli studenti inglesi hanno esultato per la notizia: finalmente un’offerta di lavoro interessante– hanno detto- ma la notizia è destinata ad aprire un lungo dibattito nel Paese.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università italiane, le più costose e le meno prestigiose

Next Article

Arriva Mega, il sostituto sicuro a Megaupload

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.