Slitta il ddl Gelmini alla camera

L’approdo del decreto Gelmini alla Camera è slittato. Manca la copertura finanziaria e l’approvazione alla Camera del ddl di riforma dell’università slitta: il testo dovrebbe approdare in aula venerdì 15 ottobre 2010. Le modifiche apportate in commissione Cultura, in particolare quella che prevede l’assunzione di 9000 ricercatori, hanno un tale “peso specifico” che il Tesoro ha detto che potrebbero determinare «effetti finanziari negativi tali da pregiudicare la stabilità dei conti di finanza pubblica».

L’approdo del decreto Gelmini  alla Camera è slittato. Manca la copertura finanziaria e l’approvazione alla Camera del ddl di riforma dell’università slitta: il testo dovrebbe approdare in aula venerdì 15 ottobre 2010. Le modifiche apportate in commissione Cultura, in particolare quella che prevede l’assunzione di 9000 ricercatori, hanno un tale “peso specifico” che il Tesoro ha detto che potrebbero determinare «effetti finanziari negativi tali da pregiudicare la stabilità dei conti di finanza pubblica».
Con la Ragioneria della Stato che ha espresso analoghi rilievi. La Conferenza dei Rettori ha espresso immediatamente «disappunto e vivo allarme» per la concreta ipotesi di slittamento del voto a dopo la sessione di bilancio del voto in aula alla Camera del Ddl di riforma dell’Università«, in pratica il rinvio di almeno un mese (il tempo presumibile che sarà dedicato all’analisi dei conti dello Stato).
Secondo la Crui, in primo piano c’è più che mai »la questione delle risorse«, ribadendo »con forza l’esigenza di assicurare al più presto i finanziamenti indispensabili«. Ma da Viale Trastevere si fa notare che in realtà si tratta di uno slittamento dovuto ad un nodo tecnico-politico che potrebbe portare all’approvazione della riforma Gelmini anche entro la fine di novembre, in ogni caso in tempo visto che la legge entrerà in vigore il prossimo anno accademico, il 2011/2012.
Certo, viene sottolineato sempre da Viale Trastevere, le risorse necessarie vanno trovate, altrimenti la strada diventerebbe più complessa. Mentre il Pd plaude per il rinvio che consentirà di capire bene quali sono i veri investimenti e parla di »inaffidabili promesse del governo«, il Pdci parla di »fallimento« della Gelmini, chiedendone le dimissioni. Umberto Bossi, da parte sua, ricorda che qualsiasi cosa »quando arriva a Tremonti se non ci sono i soldi finisce l . O diamo i soldi all’universit… o alle bombe per gli aerei« in Afghanistan.
»Si tratta di una bella scelta«, aggiunge, spiegando che però lui preferisce certo »la ricerca«. »Il gioco delle tre carte della Gelmini e di Tremonti – afferma Domenico Pantaleo, Segretario Generale della Flc-Cgil – è stato svelato. Adesso puntiamo ad aprire una grande e partecipata discussione pubblica sul futuro dell’università Italiana«. E domani il sindacato con le associazioni degli studenti, sarà davanti a Montecitorio proprio per protestare contro le riforma.
Il ministero del Tesoro ha espresso dunque »parere contrario all’ulteriore corso« di una serie di norme che »presentano profili di criticità sotto l’aspetto economico finanziario per le quali si rende necessario, quale condizione imprescindibile perchè il provvedimento possa proseguire il suo iter« una serie di modifiche o »la loro soppressione«.
Tra i punti criticì anche il piano di concorsi per 9mila ricercatori universitari tra il 2011 e il 2016. »L’emendamento – si legge nel testo – prevede l’istituzione di un Fondo per la valorizzazione del merito accademico con dotazione di 90 milioni di euro per l’anno 2011, 263 milioni di euro per l’anno 2012, 400 milioni di euro per l’anno 2013, 253 milioni di euro per l’anno 2014, 333 milioni di euro per l’anno 2015, 413 milioni di euro per l’anno 2016 e 480 milioni di euro per l’anno 2017. Il fondo è finalizzato alla chiamata di 1.500 professori di seconda fascia per ciascuno degli anni compresi nel periodo 2011-2016 e a valorizzare il merito dei professori e ricercatori universitari inquadrati nella prima progressione economica«.
Una norma coperta dal Fondo per gli interventi strutturali di politica economica. Inoltre, si aggiunge, »circa la copertura utilizzata si fa presente che le risorse iscritte sul Fondo per gli interventi strutturali di politica economica« sono »interamente destinati all’attuazione della manovra di bilancio relativa all’anno 2011«. Si aggiunge inoltre che il citato Fondo risulta »incapiente a decorrere dall’anno 2012, rispetto agli oneri indicati nell’emendamento.
Fonte Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bocconi, confermati i vertici del cda

Next Article

CRUI contro il rinvio del ddl Gelmini

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".