Sla, da Arisla 900 milioni per la ricerca

Sono sette i progetti di ricerca selezionati da Arisla (Fondazione Italiana di Ricerca per la sla) che riceveranno un finanziamento complessivo di 892.700 euro. I sette studi, scelti tra 90 proposte, si propongono di far luce sulle cause della malattia, mettere a punto nuovi test per una diagnosi precoce e testare molecole che potrebbero diventare nuovi farmaci.

Lo rende noto la stessa associazione in un comunicato. I finanziamenti per ciascun progetto vanno dai 55mila ai 250mila euro erogati in un periodo compreso tra 12 e 24 mesi di lavoro. I vincitori del bando di concorso sono Francisco Baralle dell’Icgeb di Trieste, Maria Teresa Carri’ della Fondazione Santa Lucia di Roma, Vincenzo Silani dell’Istituto Auxologico Italiano di Milano, Massimiliano Renzi dell’Universita’ degli Studi di Roma ‘La Sapienza’, Monica Nizzardo dell’Universita’ degli Studi di Milano, Gianluca Cestra dell’Ibpm-Cnr presso ‘La Sapienza’, Paolo Edomi dell’Universita’ di Trieste.

Dal 2008 a oggi Arisla ha finanziato la ricerca italiana con oltre 5 milioni di euro. In Italia i malati di sla sono circa 5 mila con un’incidenza di 6-7 casi ogni 100mila abitanti e con 3 nuove diagnosi ogni giorno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, venerdì inaugurazione dell'anno accademico

Next Article

Intelligenza nelle mani, convegno alla Cattolica

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".