Siria, rapiti quattro giornalisti italiani

Quattro giornalisti italiani sono stati sequestrati in tarda serata ieri, nel nord della Siria. A renderlo noto la Farnesina, in base a quanto riportato da fonti vicine agli attivisti in realtà non si tratterebbe di sequestro ma solo di stato di fermo.

siria-damasco-ribelli-guerra

Quattro giornalisti italiani sono stati sequestrati in tarda serata ieri, nel nord della Siria. A renderlo noto la Farnesina, in base a quanto riportato da fonti vicine agli attivisti in realtà non si tratterebbe di sequestro ma solo di stato di fermo.

A bloccare il gruppo di italiani sarebbero stati alcuni ribelli mentre i giornalisti stavano facendo riprese video. E sono Amedeo Ricucci, inviato della Rai, Elio Colavolpe e Andrea Vignali (freelance) e di una giornalista italo-siriana, Susan Dabbous.

“Seguiamo con molta trepidazione la vicenda – ha counicato il segretario generale della Federazione nazionale della stampa italiana Franco Siddi – mettiamo a disposizione della Farnesina tutta la nostra collaborazione, nel riserbo dovuto per garantire l’incolumità dei colleghi. Siamo fiduciosi nel lavoro della Farnesina e nel ritorno alla libertà dei colleghi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Marte, test di gravidanza per scoprire se c'è stata vita

Next Article

Amedeo Ricucci mi raccontò: "Anch'io ho paura, ma vado avanti"

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.