Siglato Protocollo Ministero – Consiglio nazionale forense per promuovere la cultura della legalità

Promuovere la cultura della legalità fra le studentesse e gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado. È quanto prevede il Protocollo di intesa, siglato ieri al Ministero dell’Istruzione (MI) dalla Ministra Lucia Azzolina e dalla Presidente facente funzioni del Consiglio nazionale forense (CNF) Maria Masi. Protocollo che conferma e rafforza un lavoro congiunto già in atto tra il MI e il CNF, avviato con la realizzazione dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento.

Il Protocollo ha una durata triennale e intende promuovere iniziative comuni volte a favorire e conseguire un miglioramento qualitativo dei percorsi educativi scolastici nell’ambito dei piani triennali predisposti dagli istituti, proponendo lo svolgimento di moduli specifici sui temi dell’educazione alla cittadinanza e alla legalità, con la necessaria collaborazione degli Ordini territoriali degli avvocati. Nello specifico, il Protocollo prevede la realizzazione di quattro diverse progettualità rivolte a studentesse e studenti di ogni grado scolastico, che coinvolgeranno bambini e ragazzi sui temi quali i diritti e i doveri dei cittadini, il rispetto della legalità, la cultura del valore delle differenze e la cura del bene comune.

“Con il nuovo Protocollo d’intesa MI-CNF coinvolgiamo per la prima volta gli studenti di tutti gli ordini scolastici. È un’iniziativa, questa, che ci permetterà di parlare di temi importanti fin dalla scuola primaria”, dichiara la Ministra Lucia Azzolina. “Con la firma di questo accordo – prosegue Maria Masi – l’avvocatura, ancora una volta, privilegia il proprio ruolo sociale e trova le giuste energie per dedicarsi ad accompagnare le giovani generazioni, che più di altri hanno sofferto in questi ultimi mesi, in un percorso all’insegna della dialettica e della legalità”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Graduatorie provinciali delle supplenze: nella prima giornata inserite oltre 100 mila domande

Next Article

Concorsi Forze Armate, Polizia, Vigili del Fuoco: cosa cambia con il Decreto Rilancio

Related Posts
Leggi di più

Si studiano le materie STEM e solo per quattro anni: nasce il Liceo per la Transizione ecologica e digitale

Si chiamerà T.E.D. ed è il nuovo liceo pensato dal Ministero dell'Istruzione per formare e preparare i ragazzi alle sfide che la transizione ecologica e digitale impone anche nel nostro Paese. Le scuole interessate da questa novità sono 27 in tutta Italia e collaboreranno con le università e le aziende del Consorzio Elis. Per iscriversi c'è tempo fino al 28 gennaio.
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".