Siena premia i maturandi "originali"

L’Università degli Studi di Siena – in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria – ha dato il via ad un concorso rivolto a tutti gli studenti del quinto anno delle Scuole Medie Superiori situate sull’intero territorio nazionale.
Questo concorso attribuirà 10 premi studio ai maturandi che spiccano per capacità e attitudini allo studio scientifico-tecnologico. L’elaborato potrà essere originale o corrispondere – parzialmente o totalmente – a quello presentato alla Commissione durante l’esame di Maturità.
Ai fini del concorso, saranno valutabili solo gli elaborati attribuibili al settore scientifico-tecnologico. Tanti sono i premi previsti e consistono in contributi da utilizzare per l’iscrizione alla facoltà di Ingegneria dell’Università di Siena. L’ammontare dei premi sarà di 1.000 Euro per il primo classificato, 750 Euro per il secondo, 500 Euro per il terzo, 400 Euro per il quarto e il quinto e 250 Euro per gli studenti classificati dal sesto al decimo posto.
Gli interessati possono collegarsi al sito della facoltà di ingegneria di Siena www.ing.unisi.it ed inviare il proprio elaborato entro – e non oltre – il 3 giugno 2008.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Bicocca chiama, la musica risponde

Next Article

Dalla Fondazione Einaudi 11 borse di studio

Related Posts
Leggi di più

Occupazioni e cortei per ricordare Lorenzo: il 28 gennaio manifestazione a Roma contro l’alternanza scuola-lavoro

Studenti di nuovo in piazza per protestare contro i progetti PCTO che a Udine sono costati la vita a Lorenzo Parrelli, morto a 18 anni al suo ultimo giorno di stage in un'azienda di Udine. Venerdì prossimo ci sarà una manifestazione nazionale a Roma mentre a Bologna oggi è stato occupato un liceo scientifico: "Vendetta per Lorenzo".
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"