Sicurezza web, un master anche per gli hacker

master per gli hacker

Master per gli hacker All’Università di Modena, da ottobre, il corso post lauream in Cyber Defense.  Requisiti d’accesso da pirati informatici: curiosità, passione per il web e fantasia

All’università di Modena c’è un master aperto anche agli hacker. Così è stato presentato il nuovo corso in Cyber Defense, che prenderà il via da ottobre 2013 e sarà inserito nel programma di formazione sui temi della difesa informatica e aziendale che l’ateneo emiliano porta avanti fin dal 2000.

“In un mondo dove gli strumenti di attacco informatico sono a disposizione di tutti, la vera sfida intellettuale e professionale è stare dalla parte dei difensori”. Ha affermato Michele Colajanni, direttore del Cris, il Centro di ricerca interdipartimentale sulla sicurezza e prevenzione dei rischi.

Per elaborare adeguati sistemi di difesa contro i continui attacchi dei pirati informatici, ogni giorno diversi e sempre più fantasiosi, serve preparazione ma anche creatività. Per questo il master punta ad attrarre quei ragazzi animati di spirito da hacker, che non significa voglia di compiere atti illegali, ma curiosità e passione per il web, in tutte le sue forme.

In linea con questa direttiva, per accedere al corso non sono richiesti specifici titoli di studio, ma competenze informatiche oltre a fantasia e capacità di problem solving.

Il master è strutturato in tre fasi: sei mesi di impegno didattico full time con lezioni al mattino e laboratorio al pomeriggio, cui seguiranno tre mesi di laboratori esterni, possibilmente da svolgere all’estero e un periodo finale di stage retribuito negli studi del Cris per sviluppare soluzioni idonee al centro stesso e alle aziende che hanno aderito al progetto.

La Camera di commercio di Modena, partner del master, metterà a disposizione borse di studio per azzerare i costi del corso e permettere agli studenti meritevoli di soggiornare all’estero.

Per tutte le info consultare il sito https://www.cris.unimore.it/formazione.php#master

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, 25enne si lancia nel vuoto. Terzo suicidio in pochi giorni. Il grido dei residenti: "Basta"

Next Article

Sostanze allucinogene per curare i traumi, l'ultima ricerca dall'Università di San Francisco

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.