Si toglie la vita nella scuola, sospese le votazioni nel seggio elettorale

Un giovane si è ucciso all’interno di una scuola di Mondragone, mentre erano in corso le operazioni di voto per le elezioni politiche. Interrotte le votazioni.

Si è ucciso durante le operazioni di voto per le elezioni politiche, bloccando di fatto anche le votazioni all’interno del seggio dove sono arrivati carabinieri, sanitari del 118 e uomini della Digos. Momenti di paura alla scuola media “Leonardo Da Vinci-Michelangelo Buonarroti” di Mondragone, in via Como. Il corpo di un giovane è stato recuperato dal cortile, mentre all’interno si svolgevano le votazioni per le elezioni politiche.

La vicenda

Da quanto ricostruito finora, il giovane avrebbe cercato di suicidarsi impiccandosi ad una tettoia, che però non avrebbe retto al peso: e così è finito per precipitare al suolo, perdendo così la vita. Inutile l’arrivo dei soccorsi: i sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatarne la morte. Sul posto anche i carabinieri di Mondragone, gli agenti della Polizia Municipale e gli uomini della Digos per i rilievi. Sconcerto all’interno, e tanta paura: le operazioni di voto sono state interrotte per permettere i soccorsi e i rilievi alle forze dell’ordine, chiamate ora a fare chiarezza sulla vicenda.

Il sindaco Francesco Lavanga ha espresso la propria vicinanza ai familiari, aggiungendo che “non ci sono mai le parole giuste, occorre solo far silenzio e provare a mettersi in discussione poiché ognuno ha il dovere di fare e dare sempre di più”.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso magistratura, l'intervista alla vicepresidente dell'ANM: "Fallimento delle scuole di specializzazione, utili i tirocini negli uffici giudiziari"

Next Article

Elezioni, vince la destra. Fratelli d'Italia primo partito con il 26%: il programma della scuola

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".