Si fingeva ginecologo per fotografare le parti intime delle pazienti

Confermato l’arresto per il sedicente ginecologo di Matera che fotografava le sue pazienti, tra le quali molte studentesse universitarie fuori sede.

Il Tribunale del Riesame di Bologna ha confermato il carcere per il trentenne di Matera che spacciandosi per ginecologo e offrendo consulenze mediche via telefono a ragazze, spesso studentesse universitarie fuori sede, si faceva mandare foto delle parti intime.

Confermata dai giudici anche la qualificazione giuridica di violenza sessuale, perche’ in alcuni casi ha indotto le vittime a compiere atti di autoerotismo.

L’uomo, Sisto Salvatore Urgo, del Materano, e’ stato arrestato una ventina di giorni fa, al termine di un’indagine della polizia postale che aveva eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale aggravata, chiesta dal Pm Francesco Caleca e firmata dal Gip Bruno Giangiacomo.

L’uomo era gia’ ai domiciliari per un’altra vicenda di violenza sessuale.

L’indagine era partita a febbraio dalla denuncia di una studentessa bolognese finita nella trappola, seguita nei mesi successivi dalle denunce di altre quattro giovani iscritte all’universita’ di Bologna e in seguito da quelle di altre ragazze, residenti in varie citta’ d’Italia: Forli’, Savona, Trieste, Firenze, Grosseto, Fermo e Foggia.

Sebbene non ci sia mai stato contatto fisico fra uomo e vittime, per gli inquirenti si e’ configurata comunque la violenza sessuale, per avere violato l’autodeterminazione delle vittime nella loro sfera sessuale, aggravata dall’essersi qualificato come pubblico ufficiale.

Intanto ha gia’ dato un risultato l’invito a ”vincere il comprensibile e naturale pudore per fare denuncia” fatto dal procuratore aggiunto di Bologna Valter Giovannini.

Nei giorni scorsi si e’ presentata alla Polizia postale una ragazza che ha riferito di essere rimasta anche lei vittima del trentenne.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sicurezza e produttività: alla Sapienza la prima spinOff

Next Article

Domani corteo a Roma. Il Prefetto: "Puniremo chi indosserà il casco"

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".