Sì a cani e gatti in condominio, lo decide la Camera

Da oggi cani e gatti hanno il diritto di residenza nella casa di famiglia. Potranno abbaiare e fare confusione senza essere “sfrattati”. Lo ha deciso la Camera sancendo il principio inviolabile per cui «le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali domestici».

Da oggi cani e gatti hanno il diritto di residenza nella casa di famiglia. Potranno abbaiare e fare confusione senza essere “sfrattati”. Lo ha deciso la Camera sancendo il principio inviolabile per cui «le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali domestici». “E’ un nuovo e concreto passo per porre fine a una discriminazione contro chi vive con animali domestici – dichiara soddisfatto Gianluca Felicetti, presidente della Lav – una pace sociale che dovrà essere rispettata da tutti”.

Emtusiasta anche l’on Michela Vittoria Brambilla: “Finalmente viene esclusa la possibilità di imporre al proprietario una limitazione che davvero non aveva alcuna ragione d’essere. Lo considero un altro passo avanti a tutela dei cittadini che convivono con gli amici a quattro zampe e che d’ora in poi potranno farlo senza rischiare di incorrere in assurdi tentativi di limitare la loro libertà e la serena convivenza con quelli che sono diventati dei veri componenti della famiglia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Violenza sulle donne: firmata la convenzione a Istanbul

Next Article

Abilitazione nazionale: necessario risolvere rapidamente gli aspetti tuttora controversi

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).