Shale non vuole lasciare Roma

violenza.jpgResterà a Roma e terminerà gli studi. La studentessa africana, Shale M., accoltellata e violentata tra giovedì e venerdì da un romeno in una stazione ferroviaria nella periferia della Capitale, fa sapere che non intende lasciare l’Italia.
“Voglio continuare – ha detto – la mia vita come era prima di quella sera da incubo: continuerò a studiare, tra pochi mesi finirò il master in economia che ho cominciato in Italia lo scorso anno e non sarà nessun criminale a cambiare i miei progetti”.
A rassicurare sulle sue condizioni di salute è stata la madre della giovane, diplomatica dell’ambasciata del Regno del Lesotho, che, dall’ospedale San Filippo Neri, dove la ragazza è ricoverata da tre giorni nel reparto di chirurgia d’urgenza, ha spiegato che la figlia «sta bene».
Shale è arrivata a Roma lo scorso anno per frequentate il master in “International policies and crisis management” presso la facoltà di Economia a La Sapienza. E sua zia, che vive in città da diciotto anni, conferma che tutta la famiglia resterà nel nostro Paese nonostante l’incubo vissuto. Ma ci tiene a precisare che “prima l’Italia non era così”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ristorante di lusso cerca staff qualificato

Next Article

A Teramo si coltiva la Memoria

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).